Mattia Lucarelli, figlio dell’icona del Livorno Cristiano, è tra i due destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare dopo la denuncia di un presunto stupro

Mattia Lucarelli, figlio di Cristiano e anch’egli calciatore (gioca in Serie D nel Follonica), è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale di gruppo. Insieme al terzino sinistro 23enne è stato arrestato un altro giovane di 22 anni.

La notizia riportata dal Corriere della Sera: 

I fatti risalirebbero al marzo dello scorso anno, e sono avvenuti nel capoluogo meneghino

“Mattia Lucarelli è accusato di aver abusato di una studentessa americana conosciuta in un locale a Milano. La violenza è avvenuta nel marzo scorso. L’indagine della squadra Mobile è coordinata dal dipartimento fasce deboli della procura, guidato dall’aggiunto Letizia Mannella e dal pm Alessia Menegazzo. Alla violenza avrebbero partecipato altri tre amici, ora indagati, ma non colpiti dalla misura cautelare. 

Secondo quanto ricostruito dalla procura, la giovane americana, al termine di una serata trascorsa in discoteca con amiche, aveva accettato un passaggio in auto dai cinque giovani che, invece di raccompagnarla a casa, l’hanno condotta in un appartamento nella loro disponibilità. In quell’abitazione in centro città, la ragazza era stata costretta dal gruppo a subire atti sessuali commessi, in particolare, da Lucarelli e dall’altro ragazzo come lui destinatario del provvedimento di custodia cautelare, eseguito con la collaborazione della Mobile di Livorno. 

Trascorso qualche giorno dagli abusi, la giovane era riuscita a contattare la polizia e a denunciare i suoi aggressori, venendo poi sentita dai pubblici ministeri di Milano. L’attività di indagine svolta dai poliziotti della Mobile milanese ha consentito di risalire all’identità dei cinque giovani e di attribuire a ciascuno di loro la condotta commessa ai danni della vittima, sia ascoltando alcuni testimoni sia esaminando i telefoni cellulari della vittima e dei presunti autori”.

RILEGGI

Reja su Napoli-Verona: “Hysaj mi ha rivelato cosa è successo!”

Mauro: “Osimhen? Fossi suo compagno di squadra gli darei i cazzotti in testa!”

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post