Ancora non si è esaurita la sbornia da A a Benevento e Vigorito a poche settimane dal ritiro deve allestire una rosa in grado di poter lottare concretamente per la salvezza.

I primi nomi che circolano fanno ben sperare.

Tra i pali purtroppo non resterà Cragno, il cui cartellino è di proprietà del Cagliari: Giulini, presidente sardo non è fesso e punterà su di lui.

Il portiere giallorosso dovrebbe uscire da una rosa di nomi costituita da Sepe, già allievo di Baroni a Lanciano, Belec rivale nella finale play off con il Carpi e l’ex stellina prodigio Leali, in orbita Juventus, di ritorno dall’Olympiacos.

Il napoletano Sepe, già allievo di Baroni

A destra Venuti, di proprietà dei viola (che gli hanno preferito in passato misteriosamente Tomovic) troverà la concorrenza del napoletanissimo, anche lui del Carpi, Letizia, senz’altro ottimo elemento per le ambizioni sannite.

La coppia centrale potrebbe essere rappresentata dal duo Lucioni, superiore a molti pari ruolo di nome, e Camporese, che già collezionò in Toscana esperienze di A.

A centrocampo confermatissimo Chibsah, già in A con il Sassuolo, non dovrebbe essere scalfita la posizione di Viola, che potrebbe rappresentare una sorpresa per la categoria.

Grazie ai buoni uffici della Juventus potrebbe arrivare il promettentissimo centrocampista Cassata oltre al brasiliano Rogerio mentre a destra avrà modo di mettersi in mostra Ciciretti, con la possibile conferma in rosa di Puscas e Falco.

Tra i nomi subito accostati ai sanniti segnaliamo il brasiliano del Napoli: Leandrinho.

Ma è in attacco che i movimenti appaiono più frenetici, con la società che cerca diverse soluzioni per non avere un attacco asfittico.

Appaiono vicinissimi al Benevento, Coda 29enne punta della Salernitana, 33 goal in 2 anni, già in A con il Parma e Dionisi del Frosinone.

Si parla anche di Favilli, centravanti dell’Italia Under 20, recente vincitrice del bronzo ai Mondiali di categoria, ma il sogno (possibile) è un biondo ex River Plate, ex Barcellona, ex Catania, ex Lazio, ex Wanda Nara, ora al Torino:

Banner 300 x 250 – Ds – Post