C’è un valzer di allenatori tra i club italiani, con molte big che hanno cambiato la propria guida, tra cui il Napoli. La squadra azzurra, subita la cocente delusione della mancata qualificazione Champions, a fine partita contro il Verona ha annunciato l’addio di Rino Gattuso. Il tutto è avvenuto con un tweet da parte di De Laurentiis sul proprio profilo social. Subito una carrellata di nomi come sostituti del tecnico calabrese. Addirittura impazzavano le scommesse su chi avrebbe potuto sostituirlo, con alcuni siti di scommesse che consentivano di puntare sulle quote per il nuovo allenatore azzurro e diversi utenti che ne approfittavano per usufruire di un bonus di benvenuto, e in tal senso sono diversi i portali informativi che offrono informazioni utili per saperne di più.

Questo, fino a quando tra i nomi in lizza per la panchina all’ombra del Vesuvio non si è affermato sempre più prepotente quello di Luciano Spalletti. L’ex tecnico della Roma e dell’Inter è fermo da due anni e sembra sempre più vicino ad ottenere la guida del Napoli. Dovrebbe essere tutto alle battute finale e la bozza del contratto che dovrebbe legare Luciano Spalletti al Napoli per le prossime due stagioni è stata recapitata ai legali dell’allenatore che dovranno condividerne i contenuti e dare, eventualmente, l’ok per la firma. Sicuramente poi ci sarà un tweet del presidente De Laurentiis a confermare l’ufficialità dell’accordo. Qui finirebbe una vicenda incredibile, che ha visto per certo l’arrivo dell’allenatore del Porto Conceiçao dato per fatto e poi smentito dallo stesso ADL.

Sono molte le indiscrezioni che vengono fuori in questo momento sui dettagli dell’accordo tra il patron della Filmauro e il tecnico di Certaldo. All’allenatore verrà garantito un ricco biennale da 3 milioni all’anno e nel testo sicuramente sarà stata inserita una penale da pagare nell’eventualità di una risoluzione anticipata dell’accordo. Con l’allenatore toscano, fermo da due stagioni, il presidente sta anche definendo la composizione del nuovo staff tecnico. Pare, intanto, che Spalletti abbia già chiesto all’Inter l’autorizzazione a partecipare alla conferenza di presentazione, in quanto è legato ancora al club nerazzurro fino al 30 giugno. Da come si è potuto capire, la presentazione potrebbe esserci nei prossimi giorni in un albergo di Roma.

Una nuova avventura per il tecnico toscano, ancora legato all’Inter. La sua avventura sotto il Duomo non è finita nel migliore dei modi, nonostante il quarto posto raggiunto e la qualificazione Champions. Sappiamo tutti poi com’è andata a finire, con il toscano che ha fatto spazio a Conte e che in due stagioni ha riportato i nerazzurri a vincere lo Scudetto, buttando giù la Juventus.  Con il presidente, l’ex allenatore dell’Inter ha parlato anche di questioni tecniche. De Laurentiis gli ha comunicato la possibilità che vengano ceduti alcuni titolari come Koulibaly e Fabian Ruiz e non gli ha escluso che possa andare via anche Lorenzo Insigne. Quest’ultimo se non dovesse accettare l’offerta di prolungamento di contratto che scadrà a giugno 2022, dovrebbe dire sicuramente addio. Spalletti da gennaio dialoga con la dirigenza partenopea e da sempre ha dato la possibilità di subentrare a Gattuso nel corso della stagione, in caso di esonero. L’ex Roma non ha mai avuto dubbi nel dare la propria disponibilità e ora è vicinissimo al traguardo.

Seguiteci anche su www.persemprenews.it