Anche se mancano ancora 20 giorni per l’apertura del mercato, la sensazione è che questa sia una settimana chiave, se non proprio decisiva per il Napoli.

Sarri ha chiesto a De Laurentiis un paio di cose: la conferma in blocco della rosa, quanto meno di quei giocatori che hanno giocato: 16/17 giocatori. Reina compreso, sia ben chiaro. Ha chiesto inoltre che i nuovi arrivi siano a disposizione sin dal primo giorno del ritiro. Il Napoli si ritrova il 5 luglio, 40 giorni prima del preliminare. Non si può perdere neanche un minuto, considerando che Sarri ha un sistema di gioco estremamente complesso.

I casi spinosi sono un paio: Reina e Ghoulam. Il portiere alla fine resterà</strong>, non ci sono dubbi in proposito. Ma sarebbe oltremodo antipatico partire senza aver definite le cose. Stiamo parlando del leader del gruppo, e la leadership crolla se non c’è chiarezza nei rapporti con la società. Ghoulam è una situazione che sta appesa, colpevolmente, da troppo tempo. Adesso il giocatore ha il coltello dalla parte del manico, perché queste cose le sa benissimo anche lui.

Non dimentichiamo un particolare: ci sono molti giocatori che hanno contratti con la clausola risolutiva. Uno su tutti, Albiol. Clausola neanche troppo alta, 6 milioni. Considerando che di centrali difensivi affidabili in giro per il mondo non ce ne sono tantissimi, anche una squadra non di primissimo piano potrebbe permettersi una cifra del genere.

Alla fine resteranno tutti: ma non perché c’è una programmazione societaria, ma perché hanno fatto tutti un patto col tecnico per la prossima stagione. Ma dopo liberi tutti: a cominciare dall’allenatore…

MA di queste cose c’è tempo per parlare. C’è una stagione che potrebbe essere storica per il Napoli, inutile pensare a quello che potrà essere tra 12 mesi. Piuttosto si faccia e bene quello che serve adesso. Per vincere e non per chiudere il bilancio in attivo.

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post
Banner 300 x 250 – Ds – Post