L’urna di Amburgo ha consegnato all’Italia per Euro2024 un girone di ferro. Certo che la presenza in quarta fascia degli azzurri, difficilmente si poteva avere qualche speranza di un gruppo relativamente facile. Infatti la squadra di Spalletti è capitata nel Gruppo B con Spagna, Croazia ed Albania.

Qui cercheremo di approfondire i lati forti e quelli deboli della nazionale che sulla carta risulta essere quella più affrontabile per gli azzurri, l’Albania. Sicuramente la squadra allenata da Silvinho ha dimostrato di essere capace di grandi prestazioni, arrivando alla qualificazione addirittura come seconda fascia.

Euro2024 Albania
Immagine ufficiale dal profilo twitter dell’Albania

Le Aquile hanno conquistato la qualificazione a discapito di formazioni più attrezzate, come la Polonia, che sarà assente ad Euro2024 proprio eliminata dall’Albania. Quattro vittorie, tre pareggi e una sola sconfitta per la Nazionale allenata da Sylvinho, che da quando ha preso le redini della rosa ha rivolunzionato gioco ed idee messe in campo dal suo predecessore, Edy Reja. L’Albania sarà un duro avversario, soprattutto vista la grande fase difensiva messa in campo dal brasiliano, che ha subìto soltanto 4 reti durante le qualificazioni, risultando perciò la miglior difesa.

Albania, il blocco “italiano” ha fatto la differenza

Dati alla mano, l’Albania è una nazionale che potrebbe crearci dei problemi. Il pericolo principale è la forte presenza di alcuni giocatori delle Aquile che militano in Serie A e che hanno fatto vedere la loro esperienza acquisita nel nostro campionato anche durante le qualificazioni ad Euro2024.

Asllani, Berisha, Hysaj, ma anche Djimsiti, Ismajli e Ramadani hanno sfruttato la loro esperienza in Italia per alzare il livello della qualità della squadra. Inoltre il ritorno al gol di Cikalleshi, veterano della Nazionale, dopo più di due anni di assenza dal tabellino dei marcatori, ha dato ancora più carica all’ambiente. Il profilo più interessante, che trascinato la squadra nelle ultime partite è sicuramente Nedim Bajrami.

Immagine ufficiale dal profilo twitter dell’Albania

Il centrocampista del Sassuolo sta facendo vedere il suo valore e durante le qualificazione i suoi gol hanno fatto la differenza. Presente in tutte e 8 le partite della Nazionale, andando a segno per ben 3 volte. Sicuramente la conoscenza del campionato italiano, potrebbe essere l’arma in più da usare per l’Albania per mettere in difficoltà l’Italia.

Ad Euro2024 l’Albania per l’Italia sarà sicuramente un avversario ostico, visto anche l’enorme quantità di calciatori del nostro campionato. Sylvinho scenderà in campo con il 4-3-3, modulo che ha deciso di adottare dopo Reja e che lo ha portato fino alla qualificazione. Un gioco offensivo e sempre diverso, quello del tecnico brasiliano che ha sorpreso gli avversari anche grazie ai calciatori più tecnici in rosa. Appunto come detto Bajrami, ma anche il nuovo ruolo di Asllani, centrocampista dell’Inter, schierato da Sylvinho in attacco, sull’out di sinistra.

Immagine ufficiale dal profilo twitter dell’Albania

Reparto difensivo con Hysaj e Djimsiti, ed Ajeti e Mitaj spesso schierati titolari. Tre quarti della difesa hanno militato o militano ancora in Serie A (Ajeti ex Torino), quindi sarà difficile sorprenderli. Tra i pali Berisha. Centrocampo con la sorpresa del Lecce Ramadami e come detto la classe di Bajrami a guidare il reparto.

Sicuramente i numeri e la qualità in campo vanno a favore della Nazionale di Spalletti. Fino ad oggi l’Italia ha vinto tutti gli scontri diretti con l’Albania. Nel 2014 per 1-0. Seguono poi i due match del 2017 nel girone di qualificazione, entrambi vinti dagli azzurri per 2-0 e 0-1. L’ultimo in ordine di tempo ha avuto luogo nel 2022, anche questo terminato con una vittoria per 1-3.