Nella rosa di Ancelotti ci sono due … spine molto pungenti

Ancelotti usa tutta la rosa a sua disposizione, ma è evidente sin da adesso che alcuni giocatori non rientrano nei suoi “gusti. Il primo nome che viene in mente è quello di Rog. Arrivato a Napoli come una sorta di ragazzo prodigio ha fatto fatica da morire con Sarri. Ma l’ex allenatore del Napoli, si sa, aveva i suoi titolarisismi e basta. Il problema per Rog è che anche con Ancelotti non è che le cose stiano andando meglio. L’ultima volta che ha giocato da titolare è stato in casa col Chievo. Ma già prima era uscito dai radar di Carletto. Un po’ come Diawara, con la differenza che l’ex bolognese ha una facile collocazione in questo Napoli, a differenza del croato. Il regista di scorta ha giocato anche ieri, tra alti e bassi, a viene utilizzato quanto meno nei casi di turnover accentuati.
Un altro problema che sta per esplodere è quello relativo a Hysaj. Nei tre anni precedenti ha sempre giocato, in estate era sul punto di passare al Chelsea, pupillo di Sarri. Quest’anno dopo una partenza in cui ha giocato sempre, talvolta a sinistra, poco alla volta è scivolato nelle gerarchie. In Champions ha giocato titolare solo a Belgrado, poi Ancelotti gli ha sempre preferito Maksimovic. Ieri, dopo il “riposo” di Anfield non ha giocato lo stesso, gli è stato preferito Malcuit.
Non sappiamo se in questo momento abbia qualche problemino fisico, o un semplice calo di condizione. Sta di fatto che stiamo parlando di un patrimonio della società, uno che in estate poteva andare via per una cinquantina di milioni. Se non serve, o se deve essere sotto utilizzato tanto vale cederlo subito. Il Chelsea di Sarri probabilmente verrà condannato dalla Uefa e dovrà saltare qualche sessione di mercato. Adesso si può vendere ancora bene, a fine stagione non si sa. Se ad Ancelotti non piace non ha senso tenerlo. Il Napoli non può concedersi il lusso di avere un giocatore con una simile valutazione tra i rincalzi di terza fila.

Potrebbe piacerti anche