Corriere del Mezzogiorno:” Mertens ha trovato a Napoli la casa dei suoi sogni”

Corriere del Mezzogiorno:” Mertens ha trovato a Napoli la casa dei suoi sogni”

Ecco cosa scrive Martucci sul Corriere del Mezzogiorno di oggi 

È ormai nella storia del Napoli e nel cuore di Napoli. Dries «Ciro» Mertens continua a stupire e soprattutto a far gol. Domenica un’altra perla di testa, non proprio il suo marchio di fabbrica. Ha raggiunto nella classifica all time Attila Sallustro con 108 reti, l’obiettivo è quello di raggiungere Marek Hamsik a 121, ma anche superare il mito di Diego Maradona fermo a 115 reti. Lo scugnizzo nato per sbaglio a Lovanio, in Belgio, con quel sorriso che ha conquistato tutti, con quelle sue storie social che appassionano e le gag con il magazziniere del Napoli Starace, che lo tratta come un figlio, ha chiaro il suo obiettivo. Ha il contratto in scadenza al 2020 e potrebbe rinnovare per altri due anni conservando l’ingaggio di 4,5 milioni netti a stagione. Perché Napoli è casa sua e il tifoso azzurro lo ama visceralmente. Lontani i tempi in cui era costretto ad alternarsi con Insigne nella gestione Benitez. Era rabbuiato allora, e poche volte ha mostrato il suo proverbiale sorriso, garanzia di felicità. Ed infatti i gol stentavano ad arrivare. Sarri, in seguito, complice il doppio infortunio di Milik, lo ha trasformato in attaccante centrale e ha cominciato a segnare a raffica. E lo ha fatto anche nel primo anno di Ancelotti: 18 reti (15 in campionato). Di certo, ora, non vuole lasciare sul più bello. Perché quel trono dei marcatori gli interessa, vuole lasciare il segno in una città che lo ha adottato egli ha donato un grande affetto. Lui non si è certo tirato indietro e nella sua vita privata ha cercato di ricambiare tanto amore. Ha donato pizze per i senza tetto, ha effettuato visite in ospedale per dare conforto agli ammalati e si è dato da fare per i cani randagi. Sempre con grande riservatezza, perché l’estro lo sfoggia in campo condito da quel sorriso che spiazza tutti e contagia, soprattutto dopo un gol e una prodezza. Il folletto belga ama condividere le sue gioie e i suoi momenti di vita attraverso i social. La sua voglia di restare a Napoli è confermata dalle parole del padre Hermann: «Vuole restare un altro anno a Napoli – ha detto a Radio Marte – ed ha un altro anno di contratto: sono certo che voglia onorarlo. Posso solo dire che Dries è felice a Napoli e sarebbe felice di restare anche qualche anno in più. Sarebbe una grande cosa superare Hamsik, ma se Dries dovesse scegliere tra diventare il miglior marcatore della storia del Napoli o vincere lo scudetto, firmerebbe per vincere questo scudetto». Poi, svela: « Ciro è un nome meraviglioso, anche noi a casa a volte lo chiamiamo così». E Dries se lo tiene stretto quel nome coniato dalla città perché ora si sente napoletano a tutti gli effetti, canta in dialetto e ama la cucina partenopea, frequenta i locali del centro e cerca il contatto con la gente. Guai a spegnere i suoi sogni: in primis alzare altri trofei, continuare a segnare gol belli, impossibili e scrivere altre pagine della storia azzurra. Donato Martucci

Corriere del Mezzogiorno.it 

Banner 300 x 250 – ‘A Sfugliatella – Post
Potrebbe piacerti anche