“Liberarsi” di Sarri è la priorità per il Napoli, altrimenti non si fa mercato

Il contratto di Sarri tiene in ostaggio il mercato azzurro

De Laurentiis è la persona al mondo che ha il maggiore interesse a che si definisca al più presto la situazione tra Sarri e il Chelsea. Deve liberarsi di un contratto che non è onerosissimo, ma in ogni caso fastidioso. E soprattutto deve liberarsi di un’ombra che potrebbe dare non poco fastidio anche ad Ancelotti. E non solo. Fin quando Sarri non sarà al lavoro ufficialmente per il Chelsea non si saprà mai con certezze quali e quanti giocatori azzurri vorrà portare con se. Attenzione: non è detto che poi lo seguano tutti, ma per adesso non possiamo saperlo. Di conseguenza il mercato del Napoli è bloccato. Non a caso sin qui sono state fatte operazioni in quei ruoli che erano scoperti a prescindere (esterno di attacco e portiere). O a centrocampo, con Fabian Ruiz destinato a prendere il posto di Jorginho.

Il Napoli ad oggi non sa se resteranno Hjsay, Albiol, Ghoulam, Zielinski. Sono tutti giocatori con clausola, decidono loro se andare via. Tutti giocatori che Sarri potrebbe volere con se a Londra, e che se dovessero partire andrebbero sostituiti. Sembra invece che l’unica preoccupazione siano i soldi che riuscirà a prendere “liberando” il vecchio allenatore. E magari la clausola del silenzio, per impedire a Sarri di dire la “sua verità”.

Per amor di Dio, è giusto che chi amministra una società pensi anche ai soldi, e che si faccia il possibile per evitare polemiche. Ma esiste per una squadra di calcio anche una priorità tecnica, che ha quanto meno la stessa dignità delle altre priorità. Invece nulla. Il fatto che a fine giugno non si sappia neanche in che direzione andare pare non sia un problema.

segui persemprenapoli su facebook e twitter
L’arrivo di Meret un brutto segnale per i tifosi

Banner 300 x 250 – Horeca – Post
Banner 300 x 250 – Aragon Trasporti – Post
Potrebbe piacerti anche