Un errore tenere Sarri sulla corda per oltre un mese

Sarri al Chelsea finalmente sblocca il mercato del Napoli

Lunedì, speriamo, Sarri sarà il nuovo allenatore del Chelsea. Il Corriere dello Sport di stamattina ha fatto i conti della serva in tasca ad Abramovic. Oltre all’ingaggio del nuovo allenatore, il Chelsea liquiderà Conte con 11 milioni, poi De Laurentiis con 5, e ci saranno 3 milioni di commissioni. 19 milioni sono una cifra consistente anche per un oligarca russo, ovvio che abbia provato a risparmiare qualcosina.

Questione nel suo insieme gestita male: attenzione, non ne facciamo una valutazione economia o morale. De Laurentiis ha fatto benissimo a provare a trarre il massimo dalla situazione. Quanto alla questione morale lascia il tempo che trova, tanto più che i rapporti tra i due erano pessimi da tempo. Nel calcio non c’è spazio per la riconoscenza, ne’ quella del tecnico per l’occasione avuta, ne’ del presidente per i risultati. Il problema è tecnico: aver tenuto bloccata la situazione per un mese non ha aiutato il mercato del Napoli. Che ancora oggi non sa con certezza se qualche giocatore con clausola seguirà il vecchio allenatore.

Il problema delle clausole risolutive

Magari De Laurentiis, che non è uno stupido avrà imparato che tutto sommato mettere una clausola risolutiva sul contratto non è il massimo della vita. Non ci fossero queste benedette clausole sui contratti di Hysaj, Albiol, Ghoulam, Diawara, Zielinski, Callejon e Mertens oggi tutto sarebbe più chiaro.

Ma è inutile pensare a quello che è il passato, piangere sul latte versato non serve a nulla. Adesso speriamo solo che la vicenda Sarri si chiuda al più presto, e che si capisca chi resta o chi va via. Così si potrà entrare nel vivo del mercato. Per adesso si sono fatte solo trattative che… andavano fatte a gennaio. Con l’eccezione di Fabian Riuz al posto di Jorginho.

segui persemprenapoli su facebook
Hamsik sempre vicinissimo alla Cina

Banner 300 x 250 – Spider – Post
Potrebbe piacerti anche