Salisburgo-Napoli 3-1. Sconfitta con le “Ali”, il Napoli vola ai quarti

Quando si dice che Reb Bull ti mette le ali.

Finisce con una sconfitta a Salisburgo, ma il Napoli ottiene il pass per i quarti di finale. Gli uomini di Ancelotti iniziano col piglio giusto la gara e trovano subito la rete qualificazione di Milik. Poi, inconsciamente, la squadra sentitasi qualificata ha mollato psicologicamente creandosi problemi da sola.

PRIMO TEMPO – Milik apre le danze, risponde Dabbur

Subito una sorpresa nell’undici iniziale. Ancelotti costretto a rinunciare ad Insigne per un leggero fastidio muscolare sceglie Mertens ed il collaudato 4-4-2 con la coppia centrale inedita Chiriches-Luperto. Tutti si aspettano un Salisburgo arrembante ma è invece il Napoli ad aggredire. Dopo soli quattordici minuti gli azzurri passano in vantaggio e mettono in freezer la qualificazione. La rete arriva dopo una carambola in area di rigore dei padroni di casa, ne approfitta Milik che con un bel gesto atletico fredda il numero uno Austriaco. Presa la rete, il Salisburgo si mette a spingere. Le azioni degli austriaci arrivano tutte da destra, dai piedi di un indemoniato Lainer, ma la rete del pari arriva dopo una topica partenopea. Allan gestisce male la palla in mezzo al campo e dà la possibilità di ripartire al Salisburgo, il pallone arriva in area dove Dabbur si dimostra freddo e cinico e batte Meret. Il Napoli ha una buona reazione, tanto che, qualche minuto dopo sfiora il vantaggio con Ruiz. Il talentuoso spagnolo colpisce il legno, l’ennesimo della stagione azzurra, con un sassata dai venticinque metri. Il primo tempo, si chiude sull’uno a uno, con il Napoli padrone della qualificazione.

SECONDO TEMPO – Gulbrandsen e Leitgeb regalano l’inutile vittoria ai padroni di casa.

Il Salisburgo parte fortissimo ed il Napoli sparisce dal campo. Gli uomini di Ancelotti, incapaci di gestire la palla abbassando i ritmi, cedono il fianco ai padroni di casa che al sessantacinquesimo trovano la rete del vantaggio con Gulbrandsen entrato qualche minuto prima. Mertens e Milk scompaiono dal campo perché serviti poco e male, il centrocampo va in affanno e la difesa scricchiola. Allora Ancelotti sostituisce uno stanco Zielinski con Diawara, ma il canovaccio non cambia.La pressione degli uomini di casa è totale ed al minuto 77′ Chriiches è costretto ad uscire per un guaio muscolare, l’emergenza difesa è totale. I padroni di casa a tre minuti dalla fine colpiscono un legno con Dabbur e trovano al novantunesimo la rete del 3-1 di Leitgeb. Per la qualificazione servirebbero altre due reti, ma il tempo è poco. Così Napoli e Salisburgo si divino la posta, una vittoria ciascuno, ma la qualificazione spetta agli azzurri, in virtù della rete di Milk nel primo tempo.

Banner 300 x 250 – Na Impianti – Post
Potrebbe piacerti anche