Napoli, il mercato indecente sembra già presentare il conto

Sembra che il destino abbia presentato il conto tutto insieme al Napoli. Tutte le magagne del mercato, fatte per altro passare sotto silenzio da una stampa sin troppo compiacevole, stanno esplodendo in questi minuti.
Mertens alla fine dovrà giocare per forza, non ci sono alternative, a meno di non pensare davvero di far giocare Ounas, 3 chili di calciatore. Il nuovo infortunio di Ghoulam ha smascherato un’altra follia, non aver preso un esterno a gennaio. Al di là del nuovo infortunio, e la storia insegna che ci sta un nuovo infortunio in casi del genere, perché bene o male si tende a sforzare altre parti del corpo, è folle che una squadra che punta allo scudetto pensi di giocare due mesi (nella migliore delle ipotesi Ghoulam sarebbe stato recuperato del tutto solo a marzo) senza riserve. Stesso discorso che vale anche per Milik, ovviamente. Si sa bene che il giocatore non può essere disponibile prima di una certa data, e che poi, come dimostrato lo scorso anno, ha bisogno di tempo per ritrovare la condizione. Eppure non è stato preso nessuno.
Ultima chicca la cessione in prestito di Maksimovic. Vero che si trattata della quarta scelta tra i centrali, ma la sua partenza in assoluto ha indebolito la rosa, perché non è arrivato nessuno al suo posto, ed è stato promosso, diciamo così, Tonelli, un giocatore che sin qui non ha giocato neanche un minuto, che non sia stato con la squadra primavera.
Questo è un mercato che il presidente del Napoli ha giudicato da 10, senza che per altro nessuno abbia detto nulla.
La verità è una sola: siamo stati due anni a rinfacciargli il mercato di gennaio di due anni fa, quando con la squadra prima in classifica arrivarono Grassi e Regini. Quest’anno è stato fatto di peggio.
Poi, e lo speriamo da tifosi, il Napoli vincerà lo stesso lo scudetto, ma il mercato di gennaio è stato indecente.

– Ghgoulam: tutti possono lamentarsi tranne la società

Banner 300 X 250 – Lieto – Post
Potrebbe piacerti anche