Chiariello: sin qui ottimo mercato, ma c’è un ma…

Napoli, un buon mercato, ottimi acquisti

A Napoli è arrivato Ancelotti. E con lui sono arrivati Verdi (gran talento con due piedi d’oro), Younes (ma si è rotto, pare), Inglese (se resterà, ma è uno da 15 gol a campionato), Ciciretti (ma è un’operazione minore, probabilmente destinato ad andare in prestito così come molti talenti nostrani rientranti tra cui R. Insigne) .

Stanno arrivando Fabian Ruiz, gioiello tuttocampista delle nazionali giovanili spagnole, 22 anni, Lainer, terzino di 25 anni del Salisburgo che la Lazio ricorda come un incubo, Alex Meret (vale a dire il miglior talento della scuola italiana di portieri, pronto a mio parere per un ruolo così importante nonostante i 21 anni) e Karnezis (trentatreenne greco con esperienza internazionale con la sua Nazionale, quest’anno in Premier), in ticket dall’Udinese. A questi  facilmente si affiancherà Nikita Contini, di ritorno dal Pontedera, se dovesse partire Sepe in cerca di una squadra che lo faccia giocare.
Meret, Lainer, Fabian Ruiz e Verdi prime scelte: il Napoli punta su giocatori di valore su cui scommettere per l’esplosione definitiva, ma…

C’è un Ma…

E’ trapelato quello che tutti abbiamo pensato all’atto dell’annuncio di Ancelotti alla guida del Napoli per un triennio addirittura, e l’ha rivelato lo stesso De Laurentiis, come svelerò fra poco.
Carletto non viene per svernare o affermarsi  usando il Napoli come trampolino di lancio, come può essere stato per Mazzarri o Sarri, ma per vincere. Ha una storia vincente e, come Capello alla Roma negli anni del Giubileo, ha accettato la sfida.
segui persemprenapoli su facebook
Ghoulam o il cinepanettone, la filosofia è la stessa
Maradona show in Russia: è sempre il “suo” mondiale

Banner 300 x 250 – Spider – Post
Banner 300 x 250 – Caseificio – Post
Potrebbe piacerti anche