Le bugie hanno la panchina corta

Ancelotti stavolta ha sbagliato: non tutte le ciambelle vengono col buco

Le bugie hanno la panchina corta. Hai voglia di parlare di turnover, della sua importanza e quanto altro. Alla fine quella che conta è la qualità dei giocatori che vanno in campo. Se le alternative sono all’altezza dei titolari si può fare tutto ed il contrario di tutto. Altrimenti non è così. Ancelotti, absit inuira verbis, ieri ha commesso un paio di errori che il Napoli ha pagato a caro prezzo. Va bene cambiare 5 giocatori rispetto alla formazione tipo, ma c’è modo e modo.

Ounas al sottoscritto non piace per nulla, e non è una novità. Per altro che piaccia o meno al sottoscritto non importa. Sta di fatto che quanto meno deve giocare nel suo ruolo, esterno destro. Ieri ha giocato a sinistra, formalmente a centrocampo. E’ stato un ripiego dell’ultima ora, quella maglia era riservata a Verdi, prima che si facesse male di nuovo. Ma non è la stessa cosa.

Altro piccolo/grave errore è stato quello di saltare il ritiro pre-partita. Con Sarri il Napoli non andava in ritiro quando giocava in casa in notturna. Ci si vedeva la mattina, si faceva colazione, risveglio muscolare, poi c’era tempo per preparare la gara, per concentrarsi. Non fare il ritiro quando la partita si gioca alle 3 di pomeriggio è un’altra cosa. Per di più si può saltare il ritiro prima di una gara di cartello. In casi del genere la concentrazione arriva da se. Contro il Chievo magari non è così. Vanno in campo le seconde linee, non c’è ritiro. Ci siamo capiti, insomma.

Ma il Napoli è in linea con i programmi di inizio stagione

C’è da preoccuparsi? Assolutamente no, sia ben chiaro. Ad eccezione della Juve, che fa un campionato a parte, queste battute a vuoto le hanno tutte le squadre. La classifica è più che buona, in linea, se non oltre quelli che erano i programmi della vigilia.
Su una cosa però bisogna essere chiari: il Napoli non ha una panchina adeguata per una squadra che vuole correre per tutti gli obiettivi. Ha 11 titolari forti. C’è  Maksimovic, in attesa di Chiriches in difesa, Malcuit va bene, e con Ghoulam siamo a posto. In attacco ci sono Insigne., Mertens e Milik.

A centro campo se i titolari sono Callejon, Allan, Hamsik e Fabian Ruiz, c’è Zielinski, magari Verdi. Diawara, Rog e Ounas non sono pronti. Il che non vuol dire che non possono mai giocare. Ma che non possono giocare insieme. Non ha senso dire che il Napoli ha una panchina all’altezza dei titolari. Perché non è vero. Far credere il contrario vuol dire fare il male di questa squadra.

– segui per semprenapoli su facebook, twtter, youtube
Adl punta al capocannoniere della serie A

Banner 300 X 250 – Lieto – Post
Potrebbe piacerti anche