Dopo il rifiuto di Dybala di preferire la Roma piuttosto che il Napoli, i tifosi azzurri sono letteralmente disillusi in merito alle sorti del Napoli del prossimo futuro.

Perdere giocatori del calibro di Mertens, Koulibaly e Insigne ha aperto una ferita già incisa qualche anno fa.

La colpa? Del Patron Aurelio de Laurentiis, secondo i tifosi.

Un pubblico, quello degli azzurri, da sempre conosciuto per l’amore sconfinato nei riguardi del calcio e della bandiera del Napoli, un amore oggi che esiste solo platonicamente e non praticamente.

Si perché il sogno azzurro, anno dopo anno sta svanendo. Il sogno scudetto è l’ultimo dei “problemi” della tifoseria che quest’anno sarà priva delle figure che per anni hanno rappresentato la squadra del Golfo di Partenopee.

I tifosi vorrebbero vedere la propria squadra competere veramente per quelli che sono le competizioni che contano: dallo Scudetto alla Champions. Sono stufi di essere “presi in giro” da promesse non mantenute o meglio da fake news che alimentano la rabbia. Sono stanchi di essere additati, dal Presidente, come persone poco affidabili tanto da non meritare uno stadio.

I tifosi sono quelli che creano il business del calcio. Senza, i giocatori che scendono in campo sarebbero esclusivamente ragazzi che giocano una partitella, senza milioni e senza fama. Senza tifosi, il Presidente Aurelio de Laurentiis, non potrebbe godere degli attuali benefici economici se si pensa che il 92% delle sue entrate economiche provengono dalla SSCNapoli.

Da questo nasce la protesta dei tifosi, i quali su Twitter da ore stanno invitando il Patron azzurro ad “abbandonare la nave” del Napoli affinché si possa ritornare ad amare il Napoli.

I tifosi devono essere rispettati. Un rispetto che nell’ultimo anno è, come per magia, svanito.

Ai tifosi non interessa il lato finanziario. I tifosi hanno un sogno “Napoli torna Campione”

Banner 300 x 250 – De Luca – Post
Banner 300 x 250 – Tecsud – Post