Cosa è la Critica?
Un’arte.
La nobile arte affidata a coloro che hanno sviluppato uno spirito di valutazione onesta e ponderata di un’esibizione.
Il calcio, per fortuna, non è matematica. Non è una scienza esatta.
Per nostra fortuna appartiene alle arti ludiche come il cinema ed il teatro e lo spettatore pagante la “sempre” ragione.
Sempre ragione purché resti nel recinto delle sue competenze.
Al tifoso è assolutamente consentito esprimere piacere ma anche dissenso. Il tifoso ha il diritto di godere ma ancor più di contestare. È un principio sano e democratico.
Rumors trentini dicono di un presidente ostaggio di se stesso e della sua politica aziendale. Nessuno si senta in dover di dar colpe alla piazza ed alla tifoseria.
Il tifoso ha dimostrato sempre serietà e pazienza anche quando, mettendo da parte il pallone, ha dovuto ingoiare epiteti poco edificanti per l’identità e l’appartenenza.
Da Dimaro arrivano notizie di un armatore messo agli “arresti” nella stanza del comandante. Sembra un film di pirati e galeoni spagnoli.
De Laurentis affranto nel suo silenzio e marcato ad uomo dal suo stesso pubblico.
È un classico e purtroppo ricorda tristemente spettacoli del passato.
Un uomo solo al comando è sempre un uomo fragile. La corrente presto o tardi inverte la rotto.
Meglio il governo dei più che il comando di un singolo.
Ricordi di studi costituzionali.
Il pubblico napoletano è corretto. Esigente, competente e corretto.
Vincere non è per forza di cose primeggiare.
Il pubblico però merita rispetto. Chiarezza e rispetto. Soltanto in questo modo si procede a braccetto e si naviga serenamente.
L’invito ai tifosi è di restare corretti. Seri. Puliti. Napoletani.
Al presidente di dar risposte chiare che la Città merita.

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post
Banner 300 x 250 – De Luca – Post