Ancelotti: “Nascondersi mai, vincere sempre!”

Il nuovo condottiero azzurro:”Nascondersi mai,vincere sempre!”

Ancelotti al Corriere dello sport non cerca di nascondersi ma il suo unico obiettivo è vincere.

Servirebbe un tom tom per muoversi in quegli scaffali in cui c’è tutto un Mondo.

Bisognerebbe usare pazienza.

Bisognerebbe partire  dalla prima in fondo al vialone dell’Impero.

E’ una promozione dalla B alla A, sta nascosta dalle ombre dei trofei, però fu utile, a quel tempo (1998) a tracciar un percorso, a indicare la strada, a squarciare l’orizzonte e a (ri)scoprire Carlo Ancelotti sotto le sue nuove forme.

Ci vorrebbe un interprete per tradurre quelle notti tra Milano (Atene, non Istanbul) e Londra, tra Parigi e Madrid e poi ancora Monaco di Baviera, le tracce sontuose d’una Sovranità assoluta che Sua Maestà, Carlo Ancelotti, lascia fuori dallo stanzone del Vesuvio, mentre incrocia il “suo” Napoli per presentarsi come se nulla fosse accaduto sinora, e indicar la rotta: «Sono qui per vincere qualcosa d’importante».

Il Mito. Si può persino restare incantati, scrutando Carlo Ancelotti e provando – almeno per un po’ – a intrufolarsi in questo quarto di secolo in cui il Mito s’è costruito intorno a quella tentazione insostituibile di rinnovarsi.

Sicuramente deve essere stato (pure) questo desiderio a spingerlo verso Aurelio De Laurentiis.

De Laurentiis che ha scosso le sacre ordinanze del calcio e le ha ribaltate, lasciando che sulla panchina del Napoli s’andasse ad accomodare uno degli allenatori più vincenti.

Qualcosa che ondeggia in prossimità delle leggende calcistiche, come spudoratamente suggerisce quella bacheca che sa di gioielleria. «Inutile nascondersi….».

Pubblicato da Pasquale Spera

Fonte: Corriere dello Sport

La rassegna stampa  di oggi

Video-La rassegna stampa del 10 luglio 

Il Napoli è in partenza per Dimaro Folgarida

 

Banner 300 X 250 – Lieto – Post
Potrebbe piacerti anche