Napoli-Udinese 4-2, LE PAGELLE: Super Mertens, Younes un tiro un gol. Centrocampo da rivedere

Al San Paolo il Napoli batte l’Udinese 4-2 nel 28° turno del campionato di serie A

Tutti e quattro attaccanti schierati da Carlo Ancelotti sono andati a segno. Reti di Younes al 17° p.t., Callejon al 25° p.t., Lasagna al 30° p.t., Fofana al 35° p.t., Milik al 12° s.t., Mertens al 25° s.t. Gli azzurri vanno in black-out regalando la seconda metà del primo tempo all’Udinese che rimonta dal 2-0 iniziale al 2-2. Poi si torna in campo nella ripresa e mister Ancelotti ridisegna un altro Napoli, più concentrato e più quadrato che fa suo il match per 4-2.

Le pagelle di Napoli-Udinese

NAPOLI (4-4-2)
Ospina 5,5

La prestazione del portiere colombiano è senza dubbio condizionata dal violentissimo colpo alla testa, resta comunque in campo subendo due gol evitabili. Al 43′ minuto si accascia a terra, lasciando tutti col fiato sospeso, fino al trasporto in ospedale.

(43′ Meret 6)

Il giovane talento friulano è poco impegnato e non effettua nessuna parata. Forse entra in campo troppo tardi.

Malcuit 6,5

Il terzino francese è la vera sorpresa di questa stagione. Attento e concreto in fase difensiva, spinge quando serve mostrando il suo  strapotere fisico.

Maksimovic 5,5

Un primo tempo a corrente alternata, fa cose buone ed errori evitabili. Bravissimo al 18′ in chiusura su Pussetto evitando un gol sicuro. Poco brillante su Lasagna in occasione del primo gol bianconero. Nel secondo tempo si riprende e non concede più niente agli attaccanti avversari.

Koulibaly 6,5

Nella mezz’ora di black-out azzurro soffre la velocità dell’attacco bianconero. Poi, il muro senegalese, sale in cattedra e guida tutta la difesa con autorità.

Ghoulam 5

Attacca spesso sulla fascia sinistra, senza incidere più di tanto. Younes in fase difensiva non gli da una grande mano e l’algerino, non ancora al top della forma, va spesso in sofferenza.

Allan 5,5

La presenza di Zielinski, poco brillante al suo fianco, non lo mette a suo agio. Il brasiliano sbaglia anche alcuni passaggi elementari che provocano ripartenze micidiali dei bianconeri. Deve recuperare la condizione.

Zielinski 5,5

Schierato in mediana al fianco di Allan, anche lui viaggia a corrente alternata con buone giocate e diversi errori in fase di impostazione. Meglio nel secondo tempo quando, gli azzurri trovano il vantaggio, si aprono spazzi e a campo aperto, può mettere in mostra le sue qualità. Discontinuo.

Callejon 7

Come sempre il suo apporto è fondamentale per la squadra.Segna anche una rete nel primo tempo e fa un assist vincente nella ripresa. Determinante..

Younes 6,5

Prima gara da titolare e primo gol in maglia azzurra al primo tiro verso lo specchio della porta. Il talentuoso attaccante tedesco e brillante e vivace quando deve attaccare, ma deve migliorare nella fase difensiva. Gli mancano ancora i 90 minuti nelle gambe e Ancelotti dopo un ora di gioco lo sostituisce. Sorpresa.

(56′ Verdi 5,5)

Un po’ meglio rispetto alla sua ultima prestazione. Si sacrifica per la squadra e cerca anche qualche iniziativa personale però, senza essere incisivo. L’ex Bologna è ancora lontano dalla sua condizione migliore.

Mertens 7,5

Serata magica per il folletto belga. Ispiratissimo, con due assist, il primo gol del 2019 alla “Mertens” e tante belle giocate. È senza dubbio il migliore in campo. Man of the match.

Milik 7

L’attaccante polacco si muove tanto e crea scompiglio nella difesa avversaria. Da vero centravanti moderno, partecipa al gioco con la squadra ed è micidiale in area di rigore. Con una splendida torsione di testa segna il diciottesimo gol stagionale che vale il momentaneo 3-2.

Ancelotti 6

Purtroppo le scelte sono “quasi” forzate dalle assenze. Dopo il 2-0 cala la concentrazione, la squadra sembra sfilacciata, il centrocampo non fa il giusto filtro e i terzini sono troppo alti. Cosi gli avversari hanno la strada spianata e segnano 2 gol evitabilissimi. Nel secondo tempo Ancelotti cambia le carte in tavola, trasmette le giuste motivazioni e nella ripresa scende un altro Napoli in campo. Gli azzurri segnano altri due gol e gli avversari non tirano più in porta. Altro appunto: Forse Ospina è stato lasciato in campo oltre il dovuto e magari uno dei due gol presi poteva essere evitato.

Pubblicato da Giovanni Musella

– segui per semprenapoli su facebooktwtteryoutube

– Napoli-Salisburgo 3-0, LE PAGELLE: Mertens assist-man, Milik e Fabian che gol

 

Potrebbe piacerti anche