Napoli a doppia faccia

Il Napoli alla prima di campionato batte 0-2 al Tardini il Parma di Mister Liverani che, rispetto alla scorsa stagione, cambia modulo ma  non  l’intelaiatura della squadra, ad eccezione di Kulusevsky passato alla Juventus.

Il Parma è sembrata una squadra a dir poco evanescente , senza un tiro nello specchio della porta, senza proporsi in fase di attacco, ma affidandosi ai soli lanci lunghi verso l’ex Roberto Inglese , che poverino da solo , doveva confrontarsi con Koulibaly e Manolas.

Nella prima ora anche gli azzurri sono sembrati impacciati, pur avendo il completo dominio della gara, ma senza impensierire mai il portiere del Parma Sepe.

Entra Victor Osimhen e cambia il volto della gara , spaccando la partita con la sua fisicità e soprattutto giocando di sponda al servizio dei compagni di reparto che subito ne approfittano e gli azzurri producono gioco a valanga segnando con Mertens , colpendo un palo con Lorenzo insigne che poi dopo realizzerà la rete della tranquillità.

Quale sarà il vero Napoli quello della prima ora di gioco oppure quello di fine gara?

L’impressione è quella che il Napoli non possa prescindere dallo strapotere di Osimhen ed abbia bisogno di ritrovare i gol dei suoi centrocampisti.

Agli azzurri sembra mancare tantissimo un calciatore ,stile Hamsik, che garantiva 10 reti l’anno che poi a fine anno fa la differenza in classifica. Al Tardini, i centrocampisti azzurri, hanno tentato per ben sei volte a centrare la porta di Sepe ma la mira non è stata delle migliori.

Un plauso va a Lozano, che dopo tante critiche e voci di mercato , risponde alla grande alla fiducia concessogli da Mister Gattuso che lo schiera come vice Callejon consegnando al suo estro e sregolatezza la fascia destra e lui diventa il più pericoloso degli azzurri.

Lino Gallo

Segui persemprenapoli su facebook, twitter, youtube
Banner 300 x 250 – Literlfex – Post
Banner 300 x 250 – Co.Tel.Pa. – Post
Potrebbe piacerti anche