Gattuso non firma (per ora): si fida di De Laurentiis, ma non troppo

Non c’è accordo sul rinnovo. Se qualcuno aspettava la fumata bianca e le campane a gloria dopo il “summit” caprese è rimasto deluso. Ufficialmente non c’è fretta. Il che sarà anche vero, per amor di Dio. Ma appare singolare che si sia parlato di mercato prima di ufficializzare la permanenza di Gattuso a Napoli. Non c’è la firma sul contratto, ci sarà, senza dubbio, un accordo di massima. In questo momento la sensazione è che non sia un problema di soldi. Gattuso non ha problemi di questo tipo. E soprattutto in questo momento non può permettersi passi falsi.

La scorsa estate al Milan, dopo una stagione positiva, stracciò un contratto di due milioni di euro. Ha colto al volo l’occasione Napoli. Era impossibile fare peggio del predecessore. In più ha vinto la Coppa Italia, il che a Napoli è sempre un evento. La carta Napoli l’ha sfruttata bene. Esattamente come sfruttò bene quella Milan, dove passò dalla Primavera alla prima squadra facendo cose molto positive. Adesso però vuole garanzie per il futuro. Quindi si parla di mercato. In più Ringhio, memore delle esperienze dei suoi predecessori, vuole garanzie anche sulla possibilità di sciogliere il contratto senza penali. Benitez è rimasto un anno prigioniero perché non poté dimettersi. Prima di legarsi con un lungo contratto al Napoli Gattuso vuole avere certezze. Anche perché la storia insegna che sul mercato De Laurentiis non è molto affidabile…

Gattuso a Napoli sta benissimo. Il rapporto personale con giocatori, dirigenti, con lo stesso presidente è eccellente. Però da professionista è giusto che pensi alla sua carriera. Un altro anno di contratto col Napoli lo ha. Non è questo il problema. Potrebbe guadagnare di più, ma fa nulla. Meglio vedere come va il mercato prima di impegnarsi a lungo.

Segui persemprenapoli su facebook, twitter, youtube
Banner 300 x 250 – Co.Tel.Pa. – Post
Banner 300 x 250 – Literlfex – Post
Potrebbe piacerti anche