Napoli fermato sul pareggio dall’Espanyol nell’ultima amichevole a Castel di Sangro. Proteste per il gioco duro degli spagnoli.

Nell’ultima amichevole a Castel di Sangro mister Spalletti deve fare a meno di Politano, Fabian, Zedadka, Ounas e Ambrosino, tutti out per affaticamento e impegnati in mattinata in un lavoro personalizzato.

Napoli-Espanyol 0-0

Primo tempo

Il Napoli parte forte nella prima frazione di gioco e prende in mano il pallino del gioco sfiorando il gol in più occasioni soprattutto con Osimhen, mentre nel finale di tempo è Kvaratskhelia a impegnare di piede il portiere dell’Espanyol.

Secondo tempo

Nella ripresa al “Patini” va in scena una partita vera ricca di contrasti e di occasioni sia da una parte che dall’altra. Nel finale la partita si scalda ulteriormente per un fallo su Zerbin che scatena una rissa mentre De Laurentiis lascia in anticipo lo stadio.

Con questo 0-0 termina il precampionato del Napoli, che tornerà in campo lunedì 15 agosto per la prima partita contro il Verona.

Per Spalletti la conferma che la squadra ha grandi qualità, un buon potenziale ma c’è ancora tanto da lavorare, soprattutto per trovare vivacità e brillantezza in zona offensiva, .

IL TABELLINO Napoli-Espanyol

NAPOLI (4-3-3): Meret (46′ Contini); Di Lorenzo (68′ Zanoli), Rrahmani (46′ Ostigard), Kim (68′ Juan Jesus), Mario Rui (46′ Olivera); Anguissa (68′ Gaetano), Lobotka (46′ Demme), Elmas (46′ Zielinski); Lozano, Osimhen (68′ Petagna), Kvaratskhelia (68′ Zerbin). A disposizione: Marfella, Costanzo. Allenatore: Luciano Spalletti.

ESPANYOL: Lecmonte; Cabrera, Calero, Moll, Souza, Olivan Herrero, Mato Sanmartin, Nico, Sergi Gomez, El Hilali, Saez. A disposizione: Pons, Fortuno Vinas, Ragano, Bare, Keddari, Pages, Koloesho, Villahermosa, Touaizi, Fernandez. Allenatore: Diego Martinez.

Ammoniti: 44′ Osimhen (N), 48′ p.t Souza (E), 80’ Juan Olivan (E), 88’ Juan Jesus (N), 90’ Villahermosa (E) 92’ Demme (N).

Arbitro: Gabriele Scatena.

RILEGGI

Reja su Napoli-Verona: “Hysaj mi ha rivelato cosa è successo!”

Mauro: “Osimhen? Fossi suo compagno di squadra gli darei i cazzotti in testa!”