Siamo giunti ormai a pochi giorni dall’inizio del campionato ma molte squadre, come era prevedibile, sono ancora alle prese con il completamento della rosa.

Come da tradizione italiana infatti si andrà avanti fino alla chiusura del mercato, i primi di Settembre.

Il Napoli è a poche ore dalla partenza per Verona e difficilmente riuscirà a piazzare qualche colpo per ferragosto.

Anche se ci dovessero essere sorprese dell’ultim’ora, appare lontana l’ipotesi di inserire dei volti nuovi per la trasferta al Bentegodi.

Il primo grande dubbio ruota intorno al ruolo del numero 1: Sirigu è arrivato, Kepa si allontana, Navas potrebbe essere inserito nella trattativa legata a Fabian Ruiz, Meret in teoria sarebbe il portiere titolare, ad oggi.

Le soluzioni per Verona però sono due, o schierare Sirigu titolare ed uccidere definitivamente l’ autostima di Alex Meret, o inserire il friulano dal primo minuto, con l’incognita di avere in campo un giocatore sfiduciato, in un ruolo iper delicato e decisivo.

Ricordiamo che l’ Inter ci ha perso uno scudetto con Radu.

Situazione estremamente complessa, come quella legata a Fabian Ruiz, c’è chi ipotizza lo spagnolo in panchina, con Zielinsky nel suo ruolo, sarebbe un azzardo rischioso su un campo da sempre ostico per i colori azzurri.

Parallelamente la stessa situazione si presenterà in attacco sia per quanto riguarda Petagna che Simeone, i due sulla carta avrebbero le valigie pronte, ma molto probabilmente lunedì saranno ancora due giocatori di Napoli e Verona.

In particolar modo l’argentino contro la sua futura squadra, si troverebbe in evidente difficoltà, tant’è che fino ad ora Cioffi non lo ha mai impiegato nelle gare amichevoli.

Il nodo da sciogliere è tra il diritto e l’obbligo di riscatto.

De Laurentiis non sarebbe favorevole a quest’ultima soluzione, questo ha incagliato la trattativa, anche per quanto riguarda il passaggio di Petagna al Monza.

Per quanto concerne Raspadori c’è ancora distanza tra le parti, su parte fissa e bonus : Carnevali vorrebbe 30 milioni di fisso più cinque di bonus.

Il Napoli al momento è fermo a 29 più 5 , una differenza sottile che nelle prossime settimane si dovrebbe limare .

L’unico reparto che al momento offre più garanzie è quello difensivo, almeno da un punto di vista numerico, su amalgama e inserimento dei nuovi arrivati, ci vorrà inevitabilmente del tempo.

I dubbi e le perplessità non si trovano solo nel gruppo squadra, ma soprattutto tra i tifosi, appena 5000 gli abbonamenti venduti, non possono corrispondere alla dimensione partenopea.

La delusione è tangibile, la possibilità di un anno di transizione crea malumori, che possono ripercuotersi su tutto l’ambiente Napoli.

Con queste premesse si va a Verona, dove comunque si troverà un avversario anch’esso in costruzione, con pezzi pregiati ceduti ed altri in partenza.

Un altro ambiente in ebollizione, con Cioffi scontento e in pieno contrasto col DS Marroccu, un aspetto questo, che Spalletti può girare a suo favore, almeno per quel che riguarda il tasso tecnico e l’esperienza maggiore degli azzurri, può bastare per i tre punti.

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post
Banner 300×250 – Messere – Laterale 2