Iniziamo dal principio e facciamolo più chiaramente possibile. La scaramanzia è una sciocchezza ed un alibi. Napoli ed il Napoli non hanno alcun bisogno di far ricorso a queste minuzie.
Giustificazioni fasulle ed alibi non possono e non devono più appartenere alla città ed alla società.
Vittimismo o retro pensiero sono cose da Medioevo.
Chi vuol vincere, lavora sodo, si sacrifica in maniera intelligente e poi raccoglie. La Natura non fa differenze. Premia chi merita.
Entriamo nello specifico.
Il Napoli di Spalletti ha deciso di diventare internazionale e dell’Europa del nord ne sta prendendo le migliori abitudini.
Anche il calcio è sottoposto ad uno sviluppo culturale. Vi sembrerà strano ma anche il calcio, sta provando a fidarsi della Cultura.
Il Napoli non si raduna in pre gara. Si ritrova soltanto poco prima di arrivare allo stadio. Stile anglosassone. Tempo libero da trascorrere con Famiglia ed alla ricerca di un equilibrio psicologico. I risultati aiutano ma nulla paga quanto la fiducia, il rapporto di stima reciproca e la considerazione di aver intenti comuni.
Sarò ripetitivo ma questo lo ha insegnato Adriano Olivetti negli anni 50 ed oggi Brunello Cucinelli.
Si chiama Identità aziendale. Tutti a remare nella stessa direzione, riconosciuti ed orgogliosi dell’appartenenza.
Il Napoli 5.0 si raduna al campo, i tifosi anche.
Appuntamento a stasera, la Roma di Mourinho e l’Europa in collegamento.