Il momento più difficile di Koulibaly

La partita con il Genk nuova occasione per il difensore senegalese

Gli ultimi mesi sono stati per Koulibaly probabilmente i più complicati da quando veste la maglia azzurra.

Da oggetto del desiderio di tanti top club ( De Laurentiis effettivamente ha rifiutato offerte superiori a cento milioni) alle ultime delusioni il passo è stato fin troppo breve.

In estate il suo Senegal perde la finale di Coppa d’Africa con l’Algeria; Kalidou squalificato soffre dagli spalti.

Il campione del Napoli praticamente salta tutta la preparazione a Dimaro.

Pronti via e con la Juventus, alla prima partita, realizza al 92′ il più clamoroso degli autogol.

Il rendimento fino ad oggi è stato altalenante, esclusa la partita col Liverpool dove a distanza ha stravinto il duello con Van Dijk.

Col Cagliari invece perde di nuovo la testa e si fa espellere ( non è la prima volta ) saltando ben due giornate.

L’infortunio di Tonelli e Maximovic oltre le condizioni precarie di Manolas rendono la sua assenza davvero pesante.

Gli ultimi venti minuti col Brescia in campo c’erano come centrali Luperto ed uno straordinario Di Lorenzo: onestamente si temeva il pareggio beffa.

Va anche detto però che il Napoli di Ancelotti, più o meno discutibile come lo scorso anno per impostazione tattica ed equilibrio, non sta certamente aiutando Kalidou in questa fase delicata della sua carriera.

Il difensore senegalese è probabilmente il centrale difensivo più forte del mondo e per il Napoli è davvero un lusso essere riusciti a rinnovargli il contratto e trattenerlo.

Tutti noi sogniamo di vedere al più presto di nuovo un tackle alla Koulibaly, quelli impossibili, quelli in cui da solo contro tutti salva la squadra da un gol già fatto.

Va detto che la sfortuna e gli infortuni non gli stanno nemmeno dando minutaggio con Manolas, cosa che speriamo possa avvenire con continuità al più presto.

Domani Koulibaly torna alle su origini nella partita a Genk, proprio dove lo ha pescato il Napoli circa sei anni fa.

Una straordinaria intuizione di Benitez che rifiutò il “povero” Astori – la trattativa tra il Napoli ed il Cagliari era già chiusa sulla base di 15 milioni – e riuscì a convincere il gigante senegalese che arrivo l’estate successiva per poco più di otto milioni.

Un affare straordinario per il Napoli, superiore sia a Cavani che Higuain.

Siamo certi che Koulibaly tornerà presto ai sui livelli.

Speriamo che il presto arrivi davvero presto.

 

Segui persemprenapoli su facebook, twitter, youtube
Banner 300 x 250 – Hotel Elisabetta – Post
Potrebbe piacerti anche