Mirko Calemme: “Karim Benzema è il sogno proibito dell’estate azzurra.”

È il segreto di Pulcinella: Karim Benzema è il sogno proibito dell’estate azzurra. Come descritto da Sky nei giorni scorsi, il nome del madridista comparve sul tavolo sin dalla prima riunione romana Ancelotti-De Laurentiis insieme a quelli di Boateng e Vidal. Considerando l’attuale composizione dell’organico, però, appare difficile immaginare cessioni importanti tra difesa e centrocampo.

È in attacco che, volendo, si può sognare una follia e Benzema è l’identikit che da giorni circola su giornali e testate web. Che il ragazzo e Ancelotti abbiano un rapporto splendido è cosa nota. Ma da qui a dire che l’affare è realizzabile, per ora, ce ne passa: pensare a un Higuain-bis non è semplice.

Partiamo dalla situazione contrattuale del calciatore: Benzema guadgna al Real Madrid circa 8.5 milioni di euro netti e ha rinnovato con il club merengue meno di un anno fa fino al 2021. Difficile, quindi, spalmare il suo ingaggio: per vestire la maglia del Napoli, il francese dovrebbe fare una scelta di vita e rinunciare a milioni di euro.

Passiamo al costo del cartellino: nonostante la sua ultima stagione sia stata negativa dal punto di vista realizzativo soprattutto in campionato (appena 5 gol segnati), la Champions lo ha riabilitato e il Real Madrid non ha intenzione di svenderlo. I due gol segnati al Bayern in semifinale e la rete di Kiev con ‘assist’ di Karius ha rafforzato la tesi secondo la quale, nei momenti decisivi, Karim c’è sempre. Un’idea da tempo nella testa di Forentino Perez, che ha difeso tante volte negli scorsi anni quello che sono arrivati a definire il suo ‘niño mimado’, il prediletto. Dopo nove stagioni e 192 gol in 412 presenze, la punta è ormai una bandiera del club e dalle parti di Concha Espina, secondo quanto raccolto da Tuttonapoli, giurano che per meno di 50 milioni sarà impossibile trattare. Nel migliore dei casi, qualcuno sussurra, si potrebbe scendere a 40.Dettaglio non da poco è l’età del francese: il prossimo 19 dicembre Benzema compirà 31 anni e De Laurentiis mai si è sobbarcato un investimento così pesante per un calciatore con poche possibilità di rivendita. Quando, nel 2013, arrivò un quasi 26enne Higuain, la spesa fu importante ma c’erano i margini per una plusvalenza futura, che puntualmente si è verificata (e nel modo più sanguinoso possibile).

Tra ingaggio, cartellino e tasse Karim sconvolgerebbe il bilancio partenopeo. Cosa può rendere l’utopia realtà, quindi? Lui stesso. Se l’attaccante fosse disposto a rinunciare al suo attuale ingaggio e chiedesse a Florentino di facilitare la cessione, anche in virtù del bel rapporto tra i due, lo scenario cambierebbe. Finora, però, nessuno a Madrid ha ricevuto notizie del genere. L’ottimo feeling con Ancelotti potrebbe oliare i meccanismi dell’affare, ma si tratterebbe comunque di un quasi-miracolo. In ogni caso, resteremo vigili: è pur sempre l’estate in cui SirCarletto è diventato l’allenatore del Napoli. Chi l’avrebbe mai detto un anno fa?

fonte:tuttomercatoweb

Banner 300 x 250 – Caseificio – Post
Banner 300 x 250 – Aragon Trasporti – Post
Potrebbe piacerti anche