Il calcio non è una scienza esatta, per fortuna. Nell’epoca degli algoritmi e dello studio matematico di ogni investimento, il calcio resta ancora una azienda sottoposta alle variabili “pazze”. Gli infortuni, le squalifiche, i momenti di fuori forma e negli ultimi due anni gli stadi vuoti causa Covid e le stringenti restrizioni.

Non è facile fare calcio ad alti livelli, diamolo per assodato. Non è facile competere con aziende multimilionaire con interessi in mille e più disparati campi. Sceicchi, fondi americani, cinesi, patrimoni infiniti. Su questo punto il sig. De Laurentis è inattaccabile.

La scelta di ridimensionare il suo investimento in un’ottica di controllo dei conti, è inoppugnabile. La Ssc Napoli secondo un’analisi di Football Benchmark passa dai 110 ai 75 milioni di euro di spesa. Un pacchetto oneroso con un deciso riguardo. Prima la salute dell’azienda poi il suo sviluppo. Inversamente c’è il fallimento. Lapalissiano.

Il calcio non è una scienza esatta e questo offre dei vantaggi. Il vantaggio di vedere e scoprire. Alcuni anni squadre partite per comandare il campionato si sono trovate ad arrancare e mangiarsi le mani. L’Inter dello scorso anno sta ancora chiedendosi come ha fatto a perdere il campionato mentre la Salernitana con il suo famoso 7% di possibilità, come ha fatto a salvarsi. L’algoritmo a volte fallisce, per fortuna.

L’imprenditore De Laurentis è riuscito nella sua opera di sfoltimento e pulizia. Via i nomi dentro i volti. Via i senatori dentro i consiglieri. Bilancio messo al sicuro. Ostigard, Kvsratskhelia, Olivera, quasi certamente Kim. Basta? È garanzia di prosieguo? La Riduzione degli ingaggi e quindi dei calciatori si ripercuote sulla qualità? Riuscirà Spalletti a trarre dai nuovi quel che serve per affrontare dignitosamente la Champions? Ed il campionato? Il calcio non è un algoritmo, lo vedremo.

Napoli ha bisogno di star a galla se vuol sopravvivere. Bere o affogare. Quando ci si siede al tavolo dei grandi si può rinunciare al dessert ma bisogna quantomeno conoscere di buon vino.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO SUL NAPOLI:

Leggi degli striscioni di contestazione a DeLa comparsi in città

SEGUICI SUI PRINCIPALI SOCIAL:

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post