La posizione in classifica ed il goal di Nandez allo scadere non devono spaventare il Napoli, che nell’ultimo periodo ha attraversato un eccellente stato di forma, alimentato dalla fiducia dei calciatori nei propri mezzi tecnici. E’ su queste basi che gli azzurri devono costruire la loro vittoria contro un avversario non banale, forti degli scontri diretti tra le concorrenti: si avvicina Spezia-Napoli!

Gli assenti: qualche grattacapo per gli allenatori

Impazza il toto-allenatore, che il Napoli pensi allo Spezia!

Gattuso dovrà rinunciare come da prassi a Ghoulam, al quale si aggiungono Koulibaly e Maksimovic. Ospina si è allenato con il gruppo, difficile capire se tornerà subito tra i pali. In dubbio anche Lobotka.

Problemi anche per Italiano, costretto a rinunciare a Farias (in goal 4 volte contro gli azzurri) e Nzola (squalificato), oltre a Mattiello, Krapikas e Juan Ramos, decisamente meno importanti nello scacchiere dell’allenatore.

Momento di forma, chi si presenta meglio a Spezia-Napoli

Gli azzurri sono imbattuti nelle ultime cinque gare, sono tre le vittorie e due i pareggi. Prosegue a buoni ritmi la rincorsa del Napoli, che in questo frangente ha segnato ben 11 volte, subendo 4 goal.

Decisamente peggio i padroni di casa, che registrano una sola vittoria nelle ultime cinque, con due pareggi e due sconfitte. Gli aquilotti hanno incassato 10 reti, una media di 2 a partita, segnandone 6.

Lo Spezia di Vincenzo Italiano

Abbiamo già analizzato il gioco dello Spezia in un precedente articolo

Italiano non ha apportato importanti modifiche al suo calcio, che sta producendo i suoi frutti nonostante il momento non eccezionale.

Il modulo base è il 4-3-3. Lo Spezia costruisce l’azione partendo dal basso, con i terzini che si alzano per dare ampiezza: il pressing sarà dunque un’arma importante per gli azzurri.

Ismajli riceve da Ricci, che si abbassa per impostare, il pressing di Lautaro induce il difensore ad un passaggio sbagliato verso Provedel, lesto Lukaku (a uomo su Ricci) nello scippare il pallone.

Intercettare un pallone in zone alte del campo può far male ad una squadra come lo Spezia, che sarebbe poi esposta alle qualità del Napoli, capace di penetrare in area di rigore o segnare da fuori area con facilità.

Gli aquilotti basano l’offensiva sui loro esterni, abili nell’uno contro uno e nell’attacco alla profondità.

Rispetto alla partita d’andata Verde, molto in forma nel girone di ritorno, potrebbe trovare il campo. Piccoli sta emergendo, sostituendo Nzola, che ha trovato l’ultimo goal contro la Sampdoria (quattro mesi fa), nel match successivo alla vittoria al Maradona.

La costruzione della manovra, la riaggresione ed il movimento sono i principi su cui Italiano costruisce il suo calcio, ma il Napoli ha dalla sua le armi per avere la meglio.

Spezia-Napoli andrà in onda su Sky, canale 252, alle ore 15:00.

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post
Banner 300 x 250 – De Luca – Post