Aurelio De Laurentiis non ci sta e ribatte a modo suo alle critiche incessanti relative alla mancata partenza della campagna abbonamenti.

La campagna partirà il 25. Ci sono parecchie novità: intanto abbiamo previsto tariffe scontate per le famiglie e per le donne. Sconto del 50% per un figlio di età inferiore a 14 anni. Sconto del 30% per il secondo componente di una coppia. In generale, le donne avranno uno sconto del 10%. I prezzi sono semplici: in Curva inferiore il costo sarà 195 euro, per una coppia 136,50 euro, per una donna 175 euro. Le curve superiori costeranno 305 euro. I Distinti inferiori costeranno 390 euro, per le donne 351, per una coppia 273. La tribuna VIP verrà 770 euro. La Tribuna Posillipo invece 1030 euro…”.

Il presidente del Napoli poi s’è dilungato sulle migliori messe in cantiere per l’impianto di Fuorigrotta.

“Sono stato in Comune a parlare di una zona franca all’interno dello stadio, per far sì che ci sia una pedonalizzazione concreta attorno al Maradona in orari precedenti e successivi alle partite. Stiamo anche cercando di ottenere dei parcheggi, perché è mia intenzione creare più ascensori, dei salottini (non meno di 40) posizionati in alto. Poi abbiamo pensato ad una Tribuna dei 500, dotata di un particolare servizio per chi ne vorrà usufruire. I lavori allo stadio saranno continui, già stiamo sistemando il garage e la Sala Stampa, oltre a tutti quanti gli altri spogliatoi per gli ospiti. Durante l’anno cercheremo di farci attribuire un terreno per far costruire la pista d’atletica al Comune, così da eliminarla dal Maradona e avvicinare i tifosi…”.

A proposito del Maradona, il proprietario della società partenopea ha voluto chiarire la situazione dei canoni di locazione arretrati.

Non voglio essere polemico, perché si è sempre contro coloro i quali non pagano. Questo è giusto, però io ancora devo sistemare la storia dei tornelli che nel 2007-08 misi pagandoli di tasca mia. Si tratta di una specie di commedia che si trascina e diventa una commedia degli equivoci alla francese. Io presentai con Chiavelli un’ipotesi di rifacimento dello stadio, portando sul tavolo una ventina di milioni di euro. Il discorso di questo mio intervento non fu preso in considerazione, anzi non fu nemmeno esaminato il progetto di Zavanella, stesso architetto dello Juventus Stadium. Il Comune disse di volere uno stadio di 55mila posti, in totale controsenso con ciò che accade con l’accrescersi dello stadio virtuale. Secondo me, oggi come oggi, con Manfredi che è una persona che non mi ha mai messo i bastoni tra le ruote, stiamo cercando di mettere a posto tutto il passato. Poi stabiliremo se questo stadio sarà del Calcio Napoli per i prossimi 99 anni e se potremo togliere quella copertura orribile fatta per i Mondiali del 90. In tal caso rifaremo l’impianto e lo renderemo un modello europeo…”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO SUL NAPOLI:

Leggi le parole di ADL su Mertens e sul mercato azzurro

SEGUICI SUI PRINCIPALI SOCIAL:

Banner 300 x 250 – Ds – Post
Banner 300×250 – Messere – Laterale 2