Stanislav Lobotka, da oggetto misterioso con Gattuso, a perno insostituibile del centrocampo di Spalletti. Oggi Lobotka, dicendolo in gergo cestistico, si puo’ tranquillamente definire, il metronomo del Napoli.

Visione di gioco, senso della posizione, presente nelle chiusere, detta i tempi di gioco alla squadra in maniera esemplare, e lotta su ogni palla, facendo da collante sia tra difesa e centrocampo in fase di non possesso, sia tra centrocampo ed attacco in fase di possesso.

Insomma, un Lobotka rigenerato dalla cura Spalletti, che con il passare delle gare, la famosa partita perfetta contro la Lazio al Maradona lo scorso anno in occasione della presentazione della statua al Re, mostro’ a tutti gli scettici di cosa fosse capace di fare, rispondendo a chi lo ritenesse un acquisto sbagliato, nell’unico modo in cui puo’ rispondere un atleta…sul campo!

Oggi, Stanislav Lobotka, si e guadagnato i galloni di imprescindibile, in  molti, come sempre si fa, lo paragonano a Pizarro, ex metronomo, della Fiorentina prima , e della Roma poi, ma sinceramente, per caratteristiche, io lo paragono ad un ex azzurro, Jonas Thern, lo svedese, che in un Napoli quasi alla deriva, riuscì, con la sua “regia”, a regalare grandi giocate per suoi compagni, divenendo presto uin beniamino del pubblico.

Ma la cosa da dire, e che Lobotka non e quello bocciato dal tecnico precedente, un robottino che non si ferma mai, e che siamo sicuri, anche in questo torneo darà sicuramente il suo contributo, come sempre determinante alla crescita della squadra

RESTA AGGIORNATO SULLE VICENDE DEL NAPOLI, SEGUICI SUI SOCIAL

Instagram PSN: https://www.instagram.com/persemprenapoli2022/

Twitter PSN: https://twitter.com/psnapoli

Facebook PSN: https://www.facebook.com/PSNapoli

Youtube PSN:https://www.youtube.com/channel/UC6vnXp-wqQbafB_4prI9r9w 

https://www.persemprenapoli.it

Banner 300 x 250 – De Luca – Post