Nel corso del consueto appuntamento quotidiano con la trasmissione “Si gonfia la rete”, è intervenuto l’Agente Fifa, Federico Spada: profondo conoscitore della realtà sudamericana ed in particolare del calcio colombiano.

Quale migliore opportunità, dunque, per approfondire sulle frequenze di Radio Marte il dualismo tra i pali del Napoli, partendo proprio dall’estremo difensore dei Cafeteros.

Ospina è stato il miglior portiere della Coppa America. Ha fatto una grande stagione anche a Napoli, giocando la metà delle partite. Mi sembra assurdo che il Napoli cerchi di venderlo. Meret non è portiere da 38 partite. Credo che per un altra anno ci sarà l’alternanza dei portieri…“.

Nondimeno, il futuro di Ospina appare ancora nebuloso, ben lontano da definirsi con univoca certezza. Anche se Spada, a tal proposito, ha maturato una sua idea.

Se dovessi scommettere, parlerei di futuro a Napoli. Sia per volontà del club, che del calciatore. Poi, se il Napoli deve ridurre gli stipendi, è un’altra cosa. Di base, credo che rimarrà a Napoli”.

Eppure, i soliti ben informati stanno alimentando il mercato con una voce che vorrebbe Ospina lontano da Castel Volturno. Assi più vicino alla Pinetina, invece, a fare da vice ad Handanovic.

Mi sorprenderebbe, perché credo che l’Inter l’anno prossimo investirà su un portiere più giovane. Pensavo potesse essere Musso, ma ci sono anche altri Under 23 forti. Sicuramente, però, Ospina come secondo portiere ci può stare. Anche all’Inter. Donnarumma, per esempio, ebbe Reina: un secondo portiere leader e veterano, che gli ha messo pressione. Nonostante questo, ha dimostrato di poter fare 38 partite al Milan“.

Banner 300 x 250 – Ds – Post