Scudetto al Napoli, quest’anno o mai più, questa almeno la sensazione. Oggi ci sarà la fumata bianca per il rinnovo di Reina. Quando si dice: tanto rumore per nulla. La conferma del portiere azzurro non è stata in discussione mai, neanche per un solo istante. Oddio, per motivi a noi sconosciuti, per qualche istante il presidente De Laurentiis aveva anche cullato l’idea di chiudere col portiere. E’ il leader del gruppo, il sindacalista. Ed i sindacalisti sono solitamente antipatici ai padroni. Ma l’idea è morta prima ancora di essere nata. Il gruppo ha fatto un patto: resterà unito per dare l’assalto allo scudetto. L’anno prossimo poi si vedrà, tutti liberi, visto che a partire da Sarri quasi tutti hanno una clausola risolutiva.
Il fatto che il prossimo anno tutti possano andare via non vuol dire che tutti lo faranno, ovviamente. Ma sarà sempre più difficile trattenere, per dirne una, Koulibaly, sul quale c’è da scommettere arriveranno offerte irrinunciabili dalla Premier, Mertens, che potrebbe passare all’incasso in Cina, Albiol che ha voglia di tornare a casa, magari anche qualche altro. Oltre a Sarri, ovviamente, che ha annunciato che col prossimo contratto vorrà arricchirsi.
E’ strana la situazione che si è creata a Napoli. In questo momento, ma alla fine del mercato mancano più di 40 giorni, è oggettivamente, sulla carta almeno, la rivale più accreditata della Juve. Ma ha come una data di scadenza: da consumarsi preferibilmente entro il 30 giugno 2018. Il Napoli parte da seconda favorita per lo scudetto, ma ha un solo colpo a disposizione. Il prossimo anno il Milan avrà probabilmente messo a punto le sue cose, l’Inter anche, la Roma, che il suo rinnovamento l’ha avviato quest’anno, avrà un anno di vantaggio sugli azzurri.
Il Napoli, che per altro ha una squadra relativamente giovane, sembra essere quasi a fine corsa. Sia ben chiaro: la colpa non è di nessuno. La realtà della società azzurra è questa, fisiologicamente è destinata a perdere un certo tipo di calciatori non perché non sia possibile rinunciare all’offerta di altri club, ma perché non si può andare (e su questo De Laurentiis ha mille volte ragione) oltre certe cifre per gli ingaggi.
Quest’anno, con una Juve che non è più granitica, con una Roma in fase di rinnovo, col l’Inter e il Milan che per vari motivi partono con l’handicap, bisogna fare il massimo dello sforzo per provare a vincere lo scudetto. Poi sarà difficilissimo, come del resto è sempre stato difficilissimo nella storia azzurra.

leggi anche
Milik nota lieta
Dal Carpi le conferme: ecco quello che manca al Napoli

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post
Banner 300×250 – Ras Medical – Laterale 2