Il Napoli batte il Genoa nella gara di ritorno dei Playout del campionato Primavera 1 e conquista la salvezza.

In un pomeriggio torrido, con gli spalti dell’impianto di Cercola gremiti e una numerosa rappresentanza di ultras, che hanno trascinato ininterrottamente tutto il pubblico con canti e cori, rendendo il clima ancora più incandescente, gli azzurrini di Frustalupi hanno prima sofferto nel primo tempo. Ma nella ripresa, complice una migliore qualità tecnica complessiva, sono stati capaci di girare la partita a loro favore, legittimando sostanzialmente la permanenza nella massima categoria giovanile.

Prima tempo inchiodato sullo 0-0, con il Genoa sicuramente più in palla, che s’è fatto vedere qualche volta dalle parti di Idasiak, chiamato in causa con qualche conclusione da fuori e un paio di cross insidiosi.

Non pervenuto, invece, il Napoli. Contratto e attendista. Nonostante l’atteggiamento assai prudente, però, è proprio della squadra partenopea la migliore occasione, un momento prima che l’arbitro mandi i contendenti nello spogliatoio a refrigerarsi: Pesce approfitta di un velo di Vergara in area di rigore e calcia in porta da pochi passi, spedendo la palla incredibilmente alta.

La seconda frazione di gioco è tutta nelle mani degli azzurrini, consapevolmente meno contratti e vogliosi di alzare offensivamente il baricentro di almeno trenta metri.

Al 55′ Vergara batte una punizione dall’esterno con il contagiri e pesca in area Saco, che stacca imperioso e mette la palla là dove Corci, inutilmente proteso in tuffo, non può arrivare.

Ancora dieci minuti e arriva il raddoppio: cross di Marchisano, Gjini salta in maniera scomposta e tocca il pallone con il braccio, causando il rigore. Dal dischetto, Ambrosino gela il portiere rossoblù.

Da quì in avanti, il Napoli amministra il risultato, rischiando poco e ribaltando il fronte con lunghe transizioni, affidate ad Ambrosino, abile a tenere la palla e fare a sportellate con i difensori avversari.

Nel finale, protagonista Idasiak: un paio di interventi apprezzabili, un rigore causato al 90′ e poi parato, ipnotizzando Besaggio dal dischetto.

IL TABELLINO

Napoli: Idasiak; Barba, Costanzo, Iaccarino (85′ Marranzino), Acampa, Pesce (48′ Ambrosino), Spavone (64′ Marchisano), Hysaj, Vergara (85′ Gioielli), D’Agostino, Saco. Allenatore: Frustalupi.

Genoa (3-4-1-2): Corci, Parodi (58′ Boci), Gjini, Calvani; Marcandalli (82′ Dellepiane), Sadiku, Macca (81′ Omba), Sahli (72′ Accornero); Besaggio; Ambrosini (58′ Bamba), Buksa. Allenatore: Chiappino.

Marcatori: 55′ Saco, 66′ rig. Ambrosino.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO SULLE VICENDE DEL NAPOLISEGUICI SUI PRINCIPALI SOCIAL:

Instagram PSN: https://www.instagram.com/persemprenapoli2022/

Twitter PSN: https://twitter.com/psnapoli

Facebook PSN: https://www.facebook.com/PSNapoli

Youtube PSN: https://www.youtube.com/channel/UC6vnXp-wqQbafB_4prI9r9w