Lega Calcio e Governo trovano una soluzione tampone, per far fronte all’impennata dei contagi Omicron e quindi la capienza degli stadi, nelle giornate del 16 e 23 Gennaio scendono a 5000 unità. Lo stadio pieno sarà un vago ricordo. E coincide con la notte del 28 Novembre, quella del “Maradona Day”, che è anche l’ultima vittoria casalinga dei partenopei, prima delle debacle interne targate Atalanta, Empoli e Spezia.

Invertire la tendenza casalinga

Davvero troppo deludente l’ultimo rendimento interno, da non poter immaginare un’altra defaillance per la sfida contro la Sampdoria, nonostante il momento complicato che si sta attraversando. Un Napoli a dir poco rabberciato ha lasciato un’ottima prova, in quel di Torino, mostrando una capacità di gioco di qualità e decisamente superiore a quella della Juventus. Le difficoltà saranno le stesse dell’Allianz Stadium. Tanto per non farsi mancare nulla, l’ultima positività di Piotr Zielinsky.

Attenzione al grande ex

La Sampdoria viene dalla sconfitta contro il Cagliari, ma prima della sosta aveva lasciato un’ottima impressione all’Olimpico di Roma, strappando un pareggio agli undici di Mourinho. In difesa D’Aversa dovrà rinunciare a Yoshiba, quindi Ferrari e Chabot come centrali, con Dragusin e Murru sugli esterni. A centrocampo pesa l’assenza di Candreva, l’uomo sul quale gira tutto il gioco della Sampdoria, sarà sostituito da Thorsby con Ekdal e Rincon al centro, Askildsen sulla sinistra. In attacco dal primo minuto dovrebbe partire il grande ex Quagliarella. Intravisto a passeggio per Napoli, la sua città, mai dimenticata e nella quale sogna di tornare anche per una sola partita, tra l’altro era girata una voce fantasiosa di un suo arrivo a Castel Volturno nel mercato di gennaio.

I positivi dettano le scelte

Di certo il mercato invernale ha portato al Konami Training Center Axel Tuanzebe, già in campo per l’allenamento e pronto eventualmente per una convocazione in extremis. Nel frattempo Lorenzo Insigne è ufficialmente un giocatore del Toronto, ha salutato via social il suo prossimo pubblico, ma quello visto a Torino è sembrato un Capitano convinto e determinato a dare il massimo fino all’ultima giornata.

La situazione Covid non cambia in casa Napoli, se non le ultime aggiunte di Zielinsky e Koulibaly direttamente dal ritiro con il Senegal, mentre attende un tampone lunedì Osimhen, prima di poter rientrare in Italia.

Sarà ancora una squadra in piena emergenza, al di là dei vaneggiamenti di Allegri, che avrà bisogno del massimo sostegno dei più di 5000 per questa domenica, per riportare tre punti al Maradona, che mancano davvero da troppo tempo.

Banner 300 x 250 – De Luca – Post
Banner 300 x 250 – Ds – Post