Pietro lo Monaco, apprezzato dirigente sportivo, è intervenuto a Radio Marte, nel corso del programma “Marte Sport Live“.

“L’offerta di Mertens va in contrapposizione con le sue dichiarazioni, ovvero quelle dove ha dimostrato il grande amore per questa città. Ha una certa età, non so se esistono tante squadre disposte a dare 4,5 milioni a Mertens. Mertens bisogna riconfermarlo non per l’amore verso Napoli, ma perché può dare ancora tanto a questa squadra. I discorsi economici vanno fatti fino a un certo punto, va trovata una soluzione che accontenti sia il presidente che il giocatore.

De Laurentiis deve essere più cauto nelle dichiarazioni, non fa niente per accattivarsi le simpatie dei napoletani. È sempre stato sopra le righe, ma stupisce il fatto che abbia questa punta di polemica accesa nei confronti dei napoletani che sono uno dei popoli più belli che si possa immaginare, con tutto il suo modo di essere. Il fatto che De Laurentiis sia così pungente lascia perplessi.

Per sostituire Fabian ci sono tantissimi giocatori, fermarsi su determinati giocatori è inutile ma io vi faccio un nome: De la Cruz del River Plate classe ‘97.

Quando ho deciso di andare con qualche presidente sopra le righe si facevano le scommesse su quanto sarei durato. Al Genoa strappai un contratto triennale dopo 40 giorni.

Ci sta pure che il Napoli abbia delle esigenze di abbattere il monte ingaggi, ma bisogna essere chiari: tu così te lo scordi di vincere. Con i soldi che porti a casa devi investire in modo giusto, con giocatori che nel tempo possono fare grandi cose“.

RILEGGI

Reja su Napoli-Verona: “Hysaj mi ha rivelato cosa è successo!”

Mauro: “Osimhen? Fossi suo compagno di squadra gli darei i cazzotti in testa!”

RESTA AGGIORNATO SULLE VICENDE DEL NAPOLISEGUICI SUI SOCIAL

Instagram PSN: https://www.instagram.com/persemprenapoli2022/

Twitter PSN: https://twitter.com/psnapoli

Facebook PSN: https://www.facebook.com/PSNapoli

Youtube PSN: https://www.youtube.com/channel/UC6vnXp-wqQbafB_4prI9r9w

Banner 300×250 – Messere – Laterale 2