Andrea D’Amico, agente di calciatori ed intermediario per il Toronto nella trattativa Insigne, è intervenuto a Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma.

“Lavorando per Toronto come loro rappresentante, quando i tempi l’hanno consentito ho fatto in tempo lampo questa transazione con Lorenzo. Ci sono state molte carte con contratto MLS e Toronto, operazione molto importante. Queste operazioni dal mio punto di vista dovrebbero essere tenute segrete fin quando non sono concluse, perché poi ci sono tante variabili. Però tenere nascosto tutto è difficilissimo, tra cellulari e telecamere. I giornalisti fanno il loro lavoro e noi abbiamo l’interesse prima a fare e poi a comunicare.

Il Toronto può prendere Insigne già a gennaio? Sicuramente no, l’operazione è stata pensata per portarlo a luglio. Ora Lorenzo è concentrato al massimo per la stagione con il Napoli. Fin quando sei in contatto con una squadra dai il massimo per quella squadra, poi ti concentri su altro. Non ci trovo niente di strano, è lavoro. Quando un affare giunge al termine ed è così importante, dal mio punto di vista è meglio chiuderlo subito. Il fatto che non sia stato sbandierato da parte nostra è del tutto evidente. Io stesso ho smentito più volte la cosa per tenere un profilo bassissimo.

Ci sono degli equilibri quando si fanno determinati affari che sono molto importanti. Quando un DS prende 2 aerei per prendere un giocatore prima di altri significa fare il primo dovere e cercare di non perdere una chance di mercato. Dire le bugie nel calciomercato non è un peccato. Non è che si vuole tenere l’opinione pubblica all’oscuro ma ci sono degli equilibri da rispettare. Se io dovessi muovere un giocatore da una squadra a un’altra ma sapessi che bisognerebbe far partire prima un altro, se lo divulgassi prima metterei in difficoltà le società coinvolte. Il mio interesse è quello di preservare l’affare e concluderlo.

Insigne preoccupato per uscire dai radar? Non voglio fare polemica, Insigne è capitano del Napoli e ha vinto gli Europei pochi mesi fa. Nello sport c’è una memoria storica molto corta, penso che lui non corra alcun tipo di rischio per quanto riguarda il fatto di diventare trasparente. Penso che per lui sia un’esperienza importante. Va in un sistema che ha dimostrato di essere sempre più competitivo e performante. Peraltro nel 2026 organizzeranno i Mondiali lì e probabilmente l’Italia potrebbe stare a Toronto come basi logistiche. Peraltro 8-9 proprietà del calcio italiano sono americane.

Insigne aveva altre offerte? Questo va chiesto al suo agente. Io ho rappresentato Toronto e sono orgoglioso e contento di aver fatto questa operazione. Ha fatto bene o ha fatto male? Trovo scorretto che qualcuno giudichi”.

Banner 300×250 – Ras Medical – Laterale 2