Amir Rrahmani è il classico difensore moderno. Capace cioè di destreggiarsi in marcatura, alla stregua di quegli arcigni stopper di una volta. Eroi silenziosi, senza alcuna paura di metterla sul piano dello scontro fisico, ogni qual volta nasce la necessità di fare a sportellate con chiunque abbia l’ardire di transitare dalle parti dell’area.

Al contempo, il kosovaro non disdegna di partecipare attivamente alla costruzione della manovra, favorendo la risalita della palla dal basso con piedi comunque educati, e buona visione di gioco.

Spesso si esibisce in passaggi corti e sicuri verso il metodista, con l’idea di non forzare mai la giocata. Nondimeno, la trasmissione sul breve consente al Napoli di sviluppare quel proverbiale possesso, che serve ad invitare il pressing della controparte, creando spazi vitali al giropalla qualitativo degli azzurri.

Gerarchie ribaltate meritatamente

Del resto, nel calcio che propone Luciano Spalletti, chi si muove là dietro deve sapersi cimentare in tante cose, dimostrando la sua funzionalità nei due contesti in cui si articola una partita.

Per comprendere appieno l’importanza di Rrahmani nella stagione degli azzurri, bisogna sottolineare che, rispetto alla struttura della linea difensiva immaginata dall’allenatore toscano in precampionato, l’ex Verona partiva inizialmente in secondo piano, sopravanzato nelle gerarchie da Kōstas Manōlas.  

Nondimeno, l’abnegazione di Amir nel lavoro quotidiano ha convinto ben presto l’uomo di Certaldo a panchinare il coriaceo greco. Per indole, portato a condurre palla in uscita più del dovuto, oltre che palesemente svagato in situazione di uomo contro uomo.

Ecco, al netto di qualche inevitabile momento di corto circuito, tipo l’azione da cui è scaturito il terzo gol della Fiorentina qualche settimana fa, a caratterizzare tutta l’annata di Rrahmani c’è stata proprio la strisciante sensazione di tranquillità che ha saputo trasmettere ai compagni. Non solo quelli del reparto arretrato.  

Coppia affiatata con Koulibaly

Ovviamente, la simbiosi quasi naturale stabilita con Koulibaly ha permesso alla coppia centrale partenopea di scambiarsi gli avversari, fino a disinnescarne le peculiarità offensive, con una facilità ai limiti del disarmante.

Facendo sembrare alcuni tra i migliori attaccanti della Serie A, “verginelle” d’area di rigore, piuttosto che cazzimmosi mestieranti degli ultimi sedici metri.

In effetti, Rrahmani è aiutato da una innegabile abilità nelle letture, che rende difficile a chiunque di coglierlo in castagna. Una qualità che consente al Napoli di essere particolarmente aggressivo nella fase di non-possesso, tagliando le linee di passaggio.

Spesso, infatti, si può vedere uno dei centrali rompere la linea e alzarsi sull’avversario, negandogli la possibilità di girarsi e puntare la profondità.

Rubare tempo e spazio spingendosi fino alla metà campo, se non addirittura oltre, consapevoli di avere comunque alle spalle una idonea copertura, garantita dal compagno.

Ora i Top Player della Champions

Scamacca e Belotti, per esempio, sono stati letteralmente dominati. Surclassati fisicamente e tatticamente da Rrahmani e Koulibaly, che hanno lasciato ai centravanti di Sassuolo e Torino null’altro delle briciole. Qualche protezione di spalle ed un paio di scarichi sull’esterno.

Adesso, però, il campionato volge (quasi…) al termine. E’ già di tempo di mettere da parte il rammarico per l’occasione mancata in chiave scudetto. Pensare alla stagione che verrà.

C’è la Champions League da onorare. Una manifestazione assolutamente nuova per Rrahmani, completamente a digiuno di presenze nella Coppa dalle Grandi Orecchie.

E’ assai improbabile che quei Top Player ammirati finora solamente in tv accetteranno supinamente di farsi maltrattare dal numero 13 in maglia azzurra.

Quindi, per Rrahmani sarà un banco di prova fondamentale potersi misurare alla pari con i principali bomber d’Europa.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO SULLE VICENDE DEL NAPOLISEGUICI SUI PRINCIPALI SOCIAL:

Instagram PSN: https://www.instagram.com/persemprenapoli2022/

Twitter PSN: https://twitter.com/psnapoli

Facebook PSN: https://www.facebook.com/PSNapoli

Youtube PSN: https://www.youtube.com/channel/UC6vnXp-wqQbafB_4prI9r9w

Banner 300 x 250 – De Luca – Post
Banner 300 x 250 – Ds – Post