Il Napoli ha perso l’Onore e Distrutto un Tricolore!

Il Napoli ha perso l’Onore e Distrutto un Tricolore! Ore 12:30, più di cinquantamila gli spettatori presenti al Maradona, il Napoli affronta il Frosinone, 38 i gol fatti e 61 subiti! Questi i dati della formazione ciociara prima della gara contro i partenopei, in un incontro che prevedeva un solo risultato utile agli azzurri, per alimentare i sogni Champions dei tifosi, ovvero la vittoria

Ebbene, l’illusione di quei 15 minuti di Monza, tutti convinti della possibile svolta nel rush finale della squadra di Calzona, si è risvegliato con un pugno di mosche in mano, e probabilmente cosciente che lo scorso anno, la conquista dello scudetto, sia stato un qualcosa di straordinario forse per molti anche inatteso, ma di sicuro meritato.

Il gran gol di Politano, il rigore parato da Meret, oppure sbagliato da Soule’ fate voi, fanno a cazzotti con i gol, roba da Gialappa’s Band, sbagliati da Zielinski, ma soprattutto da Osimhen, presentatosi d’ avanti al portiere ospite da solo e calciando fuori, forse in modo decisivo sul prosieguo della gara! un pallone che doveva solo terminare infondo alla rete

Il Napoli la difesa fatta di Burro…Ma non solo, Tutti colpevoli!

Che dire poi dei gol subiti, Cheddira ringrazia Rrhamani e compagnia, con una doppietta che davvero ha mostrato limiti spaventosi dei centrali degli azzurri, oltre che Meret colpevole sul pari del Frosinone per aver dormito su di un rilancio tardivo in avanti, per poi salvare il probabile 2-3 fallito dal nuovo entrato Seck.

Insomma, squadra senza anima, senza cuore, senza personalità, squagliatasi, rispetto al belvedere dello scorso anno dove l’Italia e l’Europa ne invidiavano la spettacolare perfezione! Sotto i colpi del Frosinone, rinchiusa ormai in un limbo di sfacciata inappetenza, oltre alla malsana gestione societaria, che perde l’ultimo treno per la dignità, non sol l’Europa, ma tradendo l’affetto ricevuto dal pubblico di Napoli anche in questa domenica, ricordiamo alle 12: 30 sole caldo ma amore smisurato di 50000, che pochi mesi fa risultavano essere Campioni d’ Italia!

A fine Gara, Calzona spara a zero su tutti, non su sé stesso, su cambi tardivi, su calciatori dimenticati (Vedi Mazzocchi, Dendonker, Natan, Lindstrom, e lo stesso Simeone), oppure Di Lorenzo, lo scorso anno Robocop, domenica uno dei peggiori contro l’undici Frusinate, che parla di mancanza di continuità’…personalmente non so come affronterà gli Europei in tale condizione Psico-Fisica, senza dimenticare Mario Rui, da 4 la sua reazione finale con giusta espulsione! Sinceramente si salva il solo Politano, che oltre al gol, corre e prova a dare un senso ad una squadra ormai pronta al rompete le righe, per altri lidi e bigliettoni verdi per rimpinguare il proprio conto corrente

Napoli contesta Adl, sommerso dalle contestazioni…Spalletti si gode le meritate ovazioni!

I fischi e la contestazione al Presidente? Una conseguenza, e concausa, delle scellerate scelte societarie, partite da giugno scorso, e che hanno portato in dono un post- scudetto da incubo! I tifosi ne hanno pieno diritto, soprattutto se fatto con civiltà, ed al Maradona dopo l’ennesimo spettacolo inguardabile, si sono comportati più che civilmente, accompagnando fino alla fine della gara, un gruppo già con la testa a Copacabana!

Unica nota lieta, la presenza al Maradona di Luciano Spalletti, CT della Nazionale ma soprattutto il tecnico dei Campioni d’ Italia, quelli veri, dello scorso anno. Omaggiato ed osannato a gran voce dal suo popolo, mostrando occhi visibilmente lucidi, con la sua mano destra ha risposto con un saluto, ringraziando per il calore e l’affetto ricevuto ed abbracciando univocamente la sua Napoli per sempre!

Chiudiamo con un piccolo ma incontrovertibile dato, che riguarda proprio la Famiglia De Laurentis, un 2024 davvero nero,che vede il Bari di Luigi De Laurentiis, con 3 allenatori a libro paga ed il rischio dei Play-Out in B, ricordiamo che lo scorso anno persela Serie A 2’minuti dal termine della gara contro il Cagliari! Mentre papà Aurelio, pareggia il conto allenatori, 3 cambi anche in casa Napoli! ed anche la probabile mancata partecipazione alle Coppe Europee!

 Non si può certo chiamare famiglia disunita, anzi, un’unità d’ intenti +invidiabile, ma se a Bari vorrebbero un ‘ altra Società, a Napoli, dopo quasi vent’anni, la stanno ancora a cerca’…scusate il romano, ma di Napoletano in famiglia…c’era solo il nonno!

https://www.persemprenapoli.it