A colloquio con Mario Aiello, ex direttore sportivo della Cavese fino al novembre 2020. Dopo aver ricoperto lo stesso ruolo nel settore giovanile della Paganese, uno dei migliori vivai della Campania per quanto riguarda la ricerca e la formazione dei talenti. Non solo relativamente alle squadre di Lega Pro. Esperienza e competenza a tutto tondo del panorama calcistico campano, dunque, per Aiello. Che ha cominciato la sua nella “stanza dei bottoni” tra il 2015 e 16 nell’Ischia, in serie C.

Quante possibilità ha il Napoli di qualificarsi alla Champions?

Il Napoli sta attraversando un grandissimo momento di forma grazie alle ultime partite, in cui ha dimostrato di avere un grande allenatore. Gattuso ha finalmente trovato il giusto equilibrio potendo disporre di tutta la squadra, dopo gli infortuni che ne hanno pregiudicato una fase importante della stagione. Una circostanza che dovrebbe portare qualche recriminazione, perchè senza questi incidenti avremmo parlando di lotta Scudetto...”.

Gattuso da confermare oppure meglio salutarsi, dopo i dissapori con il presidente ADL?

Gattuso assolutamente da confermare. Dipendesse da me, firmerei subito il rinnovo del tecnico. Ha mostrato di essere un allenatore molto preparato ed ha condotto la squadra a 90′ da conquistare uno dei principali obiettivi stagionali, tra mille difficoltà, anche ambientali...”.

Qualora Ringhio andasse via, eventuali papabili per la sua sostituzione?

Chi vedrei al posto di Gattuso? Sono un estimatore di Sarri, negli anni in cui ha allenato la squadra azzurra ci ha fatto divertire dando un impronta di gioco davvero spettacolare. Tuttavia, ne escluderei il ritorno. Una situazione veramente improbabile. A questo punto, credo che Italiano e Juric possano essere nomi spendibili per la panchina azzurra: due ottimi tecnici che fanno giocare bene le rispettive squadre. Soprattutto Juric, che si ispira a Gasperini, cui ha fatto da secondo per tanto tempo, rappresenterebbe davvero una svolta...”.

Luciano Spalletti ha visto salire di molto le quotazioni alla successione di Gattuso per la prossima stagione, l’ex tecnico di Inter e Roma è un nome molto forte ma come si concilierebbe il suo carattere con quello del presidente De Laurentis?

Non ci sono dubbi circa le qualità tecniche dell’allenatore toscano. I risultati parlano da soli, le perplessità sono legate proprio al carattere spigoloso di Spalletti, che potrebbero mal conciliarsi con quello del presidente del Napoli…”.

Cosa manca al Napoli per programmare un futuro vincente?

La stagione in corso ha fatto capire che se non ci fossero stati parecchi infortuni il Napoli avrebbe lottato fino alla fine per lo Scudetto. Per il prossimo anno l’intelaiatura di base è già presente, credo occorra un esterno di sinistra. Nonchè pochi acquisti mirati e si potrà tornare a competere per i primissimi posti. Del resto, l’Inter ha lavorato con un ceto anticipo per prepararsi a vincere. Aveva in rosa giocatori di pari livello della Juventus, eppure grazie soprattutto alla forza motivazionale di Antonio Conte, un tecnico dalla mentalità vincente, che trasmette grandi stimoli a tutto il gruppo, ha meritato per continuità e forza tecnica di conquistare il tricolore...”.

Segui anche persemprecalcio.it

Banner 300×250 – Ras Medical – Laterale 2
Banner 300 x 250 – Ds – Post