A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciccio Graziani, allenatore:

“È vero che ho perso una finale di Champions League, ma almeno l’ho giocata.

Raspadori? È più un sottopunta anche perché i centravanti che vanno a battere i calci d’angolo non mi sono mai piaciuti. Può fare il trequartista perché ha tecnica, velocità e intuito. Possiamo dire che il Napoli ha indovinato anche Raspadori.

Io ero molto preoccupato e lo sono ancora perché siamo solo alla 7ª giornata. Dicevo che quello che hai perso era più importante di quello che è arrivato a parte Kvaratskhelia. Per il fatto che arrivavano Raspadori e Simeone dicevo che fossero alternative a quelli che giocano. Gli unici titolari erano Kim e Kvaratskhelia.

Mi sono sbagliato e sarei felicissimo se il Napoli centrasse un traguardo storico. Ero perplesso sulla partenza di Fabian Ruiz per Ndombele che non conosciamo bene, avevo delle perplessità tra chi è andato via e chi è arrivato, ma questa squadra mi sta smentendo e sono felicissimo per tutto l’ambiente napoletano.

Il Torino? Sta giocando bene e ha più competitività. Si è rinnovata e ha tanti giocatori bravi, ma ha il problema di segnare poco. Manca nella fase conclusiva. Se concretizza di più le occasioni che crea, potrebbe diventare importante questa stagione per un posto in Conference.

Chi ha fatto l’affare tra Napoli e Juventus in difesa? Tra Bremer e Kim, l’affare lo ha fatto il Napoli. In questo momento gli azzurri hanno capitalizzato molto con le spese e con le prestazioni. Kvaratskhelia vale già 40 milioni.

Nazionale? Le strutture di tante società importanti italiane sono fatiscenti. Ci sono società che non hanno ancora un proprio centro sportivo. Dobbiamo investire di più sui giovani italiani. Guardando anche tante squadre di Serie A e Serie B, ci sono giocatori che vengono dall’estero e tolgono spazio ai nostri giovani. Anche Raspadori sta venendo fuori, assomiglia a Paolo Rossi nel modo di giocare.

Il presidente del PSG? È uno di quelli che inquinano il calcio. Dai 28/29 milioni di euro a Neymar per vincere il campionato francese. Io vedo giocatori normali che guadagnano 3/4 milioni di euro.

Zielinski? Fabian Ruiz aveva caratteristiche molto differenti dal polacco, ma bisogna conoscere il carattere del ragazzo che è uno che subisce, non reagisce. Zielinski a me è piaciuto anche negli anni passati, ma l’unico giocatore che non toglierei mai dal campo è Lobotka. Io quando vedo il Napoli ci vedo tanti giocatori bravi, ma in quel centrocampo il modo di giocare di Lobotka è spettacolare”.

RILEGGI

Reja su Napoli-Verona: “Hysaj mi ha rivelato cosa è successo!”

Mauro: “Osimhen? Fossi suo compagno di squadra gli darei i cazzotti in testa!”

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post
Banner 300 x 250 – Ds – Post