Vincenzo Italiano presenta la sfida di domani pomeriggio, alle ore 18, valevole per gli ottavi di Coppa Italia. Di fronte il Napoli di Spalletti.

L’ex tecnico dello Spezia vuole una risposta dai suoi, dopo il pesante ko di Torino contro i granata di Juric in campionato. La sfida è dura. C’è rispetto per l’avversario, ma Italiano non vuole altri cali di concentrazione.

“Come ripartire dopo la sconfitta di Torino? Penso che i ragazzi siano consapevoli della brutta figura che abbiamo fatto. Una cosa inaspettata per quanto riguarda l’approccio e ciò che sembrava già acquisito. C’è poco da dire, solo che è una partita storta e che non siamo stati all’altezza. Se i ragazzi ne sono consapevoli sono contento. Speriamo di cogliere subito l’opportunità e di approfittarne domani. Teniamo alla Coppa Italia – ammette Italiano in conferenza -. È una competizione ufficiale ed importante. Abbiamo tutti voglia di superare il turno e noi abbiamo anche voglia di rivalsa, cercando di dar filo da torcere al Napoli e possibilmente di andare avanti”. Novità in porta e tra i convocati. “Dragowski? Si è fatto male con il Napoli e rientrerà domani contro il Napoli. Sarà lui il titolare domani. Ha recuperato, non ha più problemi. Piatek? Da domani inizierà a far parte di questa nuova avventura. Si allena forte ed è felicissimo di far parte di questo gruppo e lo sfrutteremo al meglio. Ikoné? Quando arriva un calciatore a gennaio, uno che ha vinto lo scudetto e ha giocato in Champions, sicuramente ha delle certezze sue. Per questo dico che ci vuole tempo prima di buttarlo nella mischia: è abituato a buttarsi in mezzo al campo e non mi dispiace, ma deve trovare i tempi giusti. Ed è questo che tutte le volte si cerca di far migliorare nel breve tempo chi arriva da altre realtà. Con calma e pazienza deve inserirsi bene nei nostri meccanismi”. Sulla sfida di domani. “Dobbiamo andare sempre a mille all’ora. Questo è un principio di questo sport. Chi va piano, perde. Chi va a due all’ora, non vede la palla. Siamo andati piano e senza intensità e senza voglia ed è giusto che perdi. All’andata avevamo mostrato tutto ciò che poi ha mostrato il Toro al ritorno. Non è la mia filosofia, è la filosofia di questo sport e vale contro tutti. Il Napoli? È un a squadra che gioca bene, con qualità e con giocatori forti anche nell’uno contro uno. È una squadra che aveva vinto 8-9 partite di fila e che è una delle più forti del campionato. Ha continuità di rendimento e di prestazioni. Io personalmente temo tutto del Napoli e sono concentrato fin da adesso e so che non facciamo le cose per bene andiamo in difficoltà”. Sulla formazione. “Tre partite in una settimana: qualcosa cambieremo. Anche in funzione di quello che può concedere e creare in fase di pericolo il Napoli. Qualche interprete cambierà e cercheremo di mantenere la nostra identità e l’atteggiamento anche con effettivi diversi. Perché abbiamo dimostrato di avere un’identità. Sono convinto che saremo la stessa Fiorentina vista prima di Torino”.

I convocati viola per l’ottavo di Coppa Italia contro il Napoli previsto domani:

Portieri: Dragowski, Rosati, Terracciano
Difensori: Biraghi, Igor, Milenkovic, Nastasic, Odriozola, Terzic, Venuti
Centrocampisti: Bonaventura, Castrovilli, Duncan, Maleh, Pulgar, Torreira
Attaccanti: Callejon, Gonzalez, Ikone, Kokorin, Piatek, Saponara, Vlahovic.

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post