Nel corso della trasmissione “Marte Sport Live”, in onda sulle frequenze di Radio Marte, è intervenuto Gianni Di Marzio. Con la consueta verve che l’ha sempre contraddistinto, l’ex allenatore la tocca piano, con giudizi al vetriolo su alcuni calciatori azzurri. “Bisogna dare via i mezzi giocatori come Machach. Malcuit non è male nella spinta, ma la fase difensiva non la fa. Non è un’alternativa valida a Di Lorenzo. Luperto? Buon giocatore, ma per me può andar via. Mario Rui può andar via anche lui. Lobotka pure. Elmas lo terrei, è un mio pallino, giocatore giovane e pieno di ingegno, ha piedi buoni ma è stato sfruttato male. Deve migliorare sul piano fisico e aumentare il volume muscolare…“.

Sempre a proposito di mercato in uscita, Di Marzio si sofferma poi sulla situazione dei pezzi pregiati dell’argenteria partenopea. I gioielli di casa, Koulibaly e Insigne. “Non cederei nessuno dei due, difficile trovare difensori forti. Insigne lo stimo moltissimo, giocatore importante e molto forte, ma gli esterni se giri li puoi trovare. Detto questo, non mi priverei mai di Insigne perché è napoletano, quindi lascerei partire Koulibaly. In realtà non lascerei partire nessuno dei due!”.

In entrata, invece, lo scouting che alberga in Di Marzio emerge prepotentemente, senza fare nomi. Bensì, individuando le pedine mancanti all’interno della rosa. “Terzino mancino e mediano servono assolutamente. Partito Bakayoko, che non ha dimostrato di essere la diga che ci si aspettava, restano Fabiàn Ruiz e Demme, che sono molto offensivi. Noi abbiamo bisogno di un giocatore alla Jorginho o alla Pjanic, i professori in giro per il mondo non ci stanno…“.

Finale dedicato alle parole di Luciano Spalletti, che ha chiesto più o meno esplicitamente di accantonare le polemiche relative alla mancata qualificazione alla Champions, sfuggita sul filo di lana a causa dello sciagurato pareggio interno con il Verona. “Le dichiarazioni di Spalletti sono giuste. Spero che lui si sia reso conto che la squadra ha bisogno di giocatori di qualità ma anche di personalità, motivo per cui tutti quanti parlano della partita Napoli-Verona. Bisogna partire da quella gara per capire cosa è successo. Io resto convinto che se la sono fatta addosso, questa squadra non ha caratura o attributi. Abbiamo perso la Champions con quella partita, non una gara tra scapoli e ammogliati“.

Napoli vs Wisla Cracovia: scopri quando si giocherà la prestigiosa amichevole

Banner 300 x 250 – De Luca – Post
Banner 300×250 – Ras Medical – Laterale 2