Finisce 1-1 il posticipo della 31esima giornata di campionato tra Napoli e Inter. Ecco il commento in conferenza stampa del tecnico nerazzurro Antonio Conte:

Soddisfazione per quello che si è visto in campo? Sì, assolutamente. Noi siamo venuti per giocarci la partita e cercare i tre punti; sapevamo di trovare delle difficoltà contro una squadra forte come il Napoli. Per me era una delle candidate a vincere lo scudetto, poi hanno avuto vicissitudini particolari che hanno un po’ tarpato a loro le ali. Oggi c’erano tutti gli effettivi e si è visto.

Nonostante l’episodio sfortunato sul gol del svantaggio, la squadra è stata brava a reagire. Abbiamo dato una prova di forza questa sera e sono soddisfatto di questo. Questo tipo di partite le avremmo, in passato, un po’ subìte. La squadra è cresciuta in particolare dal punto di vista della solidità mentale; i giocatori rimangono sul pezzo e concentrati e questo penso sia stato un po’ lo step più importante che abbiamo fatto.

Eriksen? Io penso che quando un giocatore migliora, sia merito di tutti. Innanzitutto è merito del giocatore che anche nei momenti difficili non si è abbattuto; lui ha sempre avvertito la fiducia da parte mia, dei compagni e del club e si è sentito importante come gli altri. Christian ha avuto più tempo per ambientarsi e capire alcune situazioni e per noi è ritrovato. Questo è un merito che va condiviso tra tutti: compagni, staff e tutti gli altri.

Il fatto di ribadire la necessità di alzare un trofeo per dare un senso al percorso all’Inter? Amo ribadire sempre questa cosa alle persone che lavorano con me. Tutti sono capaci di fare un buon lavoro, pochi sono capaci di vincere. Questo fa la differenza, per scrivere la storia di un club bisogna alzare trofei. È questo messaggio che cerco di far passare dal primo giorno che sono qui.

Oggi abbiamo dato una buona dimostrazione di forza e del perché siamo in testa alla classifica. Abbiamo fatto un piccolo passetto, comunque abbiamo person 2 punti nei confronti del Milan e dell’Atalanta. Si deve continuare a pedalare, mi soddisfa quello che stiamo facendo.

Lautaro ha fatto una crescita esponenziale, così come tutti gli altri.

La crescita di Lautaro è tangibile anche per la giovane età, ha capito che se vuole diventare un top player deve continuare a fare come fa.

Ho letto un poco così della Superlega, ma sono talmente focalizzato sul presente che poi ci sarà tempo per fare delle valutazioni.”

Banner 300 x 250 – Ds – Post