A volte ritornano. Lo fanno per restare e imporsi all’attenzione di chi ha scommesso sul loro talento potenziale. E’ il caso di Francesco Baietti, classe 2003, uno dei giovani portieri saliti a Dimaro in ritiro con il Napoli.

Cresciuto nella Scuola Calcio F.C. Oliviero di Torre del Greco, sbarca a Castel Volturno nell’estate del 2016. La stoffa c’è, se ne accorgono in tanti. Non a caso compie l’intera trafila nel settore giovanile partenopeo – dai Giovanissimi Regionali fino all’Under 17 -, giocando sempre titolare e rivelandosi uno degli estremi difensori più futuribili dell’intero vivaio azzurro.

Tuttavia, certe volte il destino dei prospetti calcistici ancora in costruzione impone scelte radicali. Accade spesso a chi ha già fatto intravedere cosa potrebbe diventare. Eppure, scommettere sulla definitiva esplosione nel calcio dei “grandi” non è ancora possibile.

Così, due estati fa il Napoli ha offerto a Baietti la possibilità di maturare una importante esperienza professionale, in prestito secco, al Perugia. Un evidente segnale di quanto il club partenopeo avesse fiducia nel ragazzo. E soprattutto volesse puntare forte su di lui negli anni a venire.

A contribuire alla buona riuscita dell’operazione, sono intervenuti pure i preziosi suggerimenti di Davide Pinto, l’agente F.I.F.A. che cura gli interessi del “portierino”. Che in Umbria ha disputato l’intero campionato Primavera 3, raggiungendo con l’Under 19 le semifinali.

Quindi, il rientro alla base. Giusto il tempo di godersi qualche giorno di meritato riposo. Poi, una nuova partenza, direzione Dimaro. Aggregato alla Prima Squadra, a lavorare sui fondamentali e continuare a perfezionarsi sotto la guida di Alejandro Rosalen Lopez.

Adesso che il ritiro in Trentino è terminato, il Napoli tornerà ad allenarsi qualche giorno al Centro Tecnico di Castel Volturno, in attesa di ripartire per Castel di Sangro, dove si aggregheranno al gruppo Alex Meret e David Ospina.

A quel punto, le strade di Baietti e del Napoli dei “grandi” si separeranno, seppur solo temporaneamente: per il giovane portiere di origine corallina sarà tempo di aggregarsi stabilmente alla Primavera, tornata in “A” ed affidata a Nicolò Frustalupi, per anni storico “secondo” di Mazzarri.

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post