A Radio Marte, nel corso della trasmissione “Marte Sport Live”, è intervenuto Antonio Giordano.

Il giornalista de “Il Corriere dello Sport” è tornato per un momento sul valore che potrebbe assumere vittoria contro la Juventus.

Gli errori grossolani si commettono, anche perché altrimenti la partita perfetta finisce 0-0. Alla Juventus mancavano 9 giocatori e al Napoli comunque 5. Quelli della Juventus avevano un valore per la Juventus, uguale nel Napoli. I punti in classifica sono sempre 3 in più per il Napoli...”.

Pare che un parte della critica sabauda attribuisca a Max Allegri l’onere della sconfitta, a causa delle sue scelte strategiche nella gestione della turnazione.

Allegri ha sbagliato a lasciare fuori i sudamericani? Non era facile, devi fare delle scelte. Nessuno meglio di un allenatore conosce le situazioni e come gestirle e Allegri in carriera ha mostrato una quantità industriale di competenza e saggezza...”.

L’attualità, invece, ricorda che si avvicina l’esordio degli azzurri in Europa League: giovedì c’è Leicester-Napoli.

Partita complicatissima, il Leicester è una delle squadre inglesi che mi fanno divertire di più. Rodgers è un allenatore molto bravo, hanno un centravanti pazzesco che purtroppo è arrivato troppo tardi. Gli inglesi non scherzano mai, non esistono partite di seconda importanza...”.

Focus sul protagonista della vittoria contro la Vecchia Signora.

Non bisogna esagerare su Anguissa, nessuno ha detto che è arrivato il centrocampista del futuro. Però è uno che non c’era nel Napoli. Nel calcio si fanno brutte figure quando ci si sbilancia. Non ricordavo bene questo giocatore, poi l’ho apprezzato immediatamente, nel Napoli non ce n’è uno come lui, con quelle caratteristiche lì. I dirigenti sono stati bravi a identificare l’uomo che avesse le caratteristiche per andare a fondersi con gli altri. La fusione tra Anguissa e Fabian Ruiz è stata ottima, Ruiz è stato il più bello degli ultimi anni e in molto ha contribuito Anguissa. Io in lui non vedo nulla di Bakayoko, per me è un Allan con qualcosa in più e anche con qualcosa in meno…”.

Finale dedicato all’attacco degli azzurri.

Osimhen deve imparare molte cose ancora, ma potenzialmente è un giocatore pazzesco. Poi certo, se il prototipo è Haaland, è un’altra storia. Lozano è reduce da un infortunio terribile, forse sottovalutiamo quello che ha passato“.

Banner 300 x 250 – Tecsud – Post