Carlino, storia di un napoletano vincente

Un marchio, una garanzia firmato made in Naples e che offre lavoro a migliaia di persone e soprattutto
ad una vasta platea di giovani.”Un’Altra Idea di Napoli”,fortemente voluta da Lorenzo Crea, per promuovere l’imprenditoria campana e prova tangibile che i sogni possono tramutarsi in realtà se supportati dalla passione e dalla tenacia avvalorate da un pizzico di umiltà.Quale migliore emblema vivente se non il noto imprenditore, Raffaele Carlino,Presidente del rinomato brand Carpisa, che dal 2001 vanta oltre 16 punti vendita in tutto il mondo.Questo il fulcro del dibattito della presentazione del libro: “Raffaele Carlino-Il presidente” svoltasi ieri presso lo Storico Gran Caffè Gambrinus di Napoli, storica location fondata nel 1860 con l’Unità d’Italia e da ieri testimonal di una comprovata “unione” di intenti che ha spinto gli autori del libro:Enzo Agliardi e Serena De Simone, “pregiate penne” di enorme professionalità a ripercorrere le tappe della vita privata e professionale del Presidente,ponendo l’accento su una tematica fondamentale e complessa del tessuto connettivo ed imprenditoriale partenopeo e non solo.Un vincente appassionato della sua terra natale che da zero,riesce dal 2001 a creare un “impero commerciale” facendo leva sulla tenacia, spirito di sacrificio e tanta creatività.La “culla della storia” che abbraccia la costanza e l’umiltà di una famiglia di artigiani che partendo con una fabbrica di soli 7 collaboratori,oggi annovera circa 2000 dipendenti.Un dibattito con numerosi e variegati interventi improvvisati e a tratti esilaranti, svoltosi grazie anche all’intervento di noti esponenti del mondo dello sport,della moda,della cultura,delle istituzioni e dello spettacolo. Un punto di arrivo per chi è in procinto di affacciarsi al mondo del lavoro,un messaggio di speranza per i numerosi giovani che spesso sono costretti a lasciare Napoli.Un percorso alternativo per fare squadra e per raccontare una realtà che deve espandersi a livello globale,partendo da un “serbatoio” ricco di idee,dove fare impresa è difficile e dove le prime a lottare sono le donne, il tutto ispirandosi al senso della famiglia e dei valori,affinchè Napoli possa in futuro divenire la Capitale del Mezzogiorno ed un grande polo nel settore imprenditoriale.
Una grande famiglia che sfoggia il primato di impresa storica d’eccellenza,ricevendo la targa di riconoscimento nel 2008,dal Comune di Napoli e che si spende anche nel sociale e con grande affetto nello sport,in qualità di Patron di Yamamay Napoli Femminile, non solo come grande tifoso azzurro,ma anche per ridurre il gup che esiste tra le squadre maschili e quelle femminili.Sperando che le sue ragazze possano ritornare in serie A, il fondatore della “Tartaruga” più ambita ed in giro nel mondo,ha ancora un sogno nel cassetto da realizzare:una disputa amichevole allo Stadio San Paolo tra la sua squadra e la Juventus.Un “logo” sinonimo di alta qualità non solo nella materia prima ma singolare per le sue origini dettate dall’ originalità, dalla coerenza e dai valori.

Imma Amato

Segui persemprenapoli su facebook, twitter, youtube
Banner 300 x 250 – Co.Tel.Pa. – Post
Banner 300 x 250 – Suerte – Post-
Potrebbe piacerti anche