Dopo l’ottimo inizio di campionato, il Napoli di Spalletti si candida a tutti gli effetti come una delle principali pretendenti alla vittoria dello scudetto.

Con due pareggi e tre vittorie nelle ultime cinque partite, il Napoli è saldamente al comando del campionato. Al termine della 12esima giornata, i punti guadagnati dalla squadra allenata da Luciano Spalletti sono 32 (a pari merito con il Milan).

A 30 anni dal secondo – e ultimo – scudetto, il Napoli sta finalmente dimostrando di essere una squadra forte e matura. Secondo Ottavio Bianchi, l’allenatore che condusse gli azzurri al primo trionfo in campionato nella stagione 1986-1987, i tempi sembrerebbero essere davvero maturi per porre fine alla lunga attesa e acciuffare dopo una lunga attesa il tanto ambito titolo nazionale.

Pronostici Serie A 2021/22

In casa Napoli si fa sempre più strada la sensazione che l’impresa, quest’anno, sia realmente possibile. Le quote Serie A aggiornate dopo 12 turni di campionato vedono i partenopei di poco favoriti rispetto alle milanesi. Insigne e compagni hanno tutte le carte in regola per sopravanzare il Milan di Pioli, una squadra che sta comunque rinforzando di giornata in giornata la consapevolezza di sé e della propria forza. Ma dovranno anche dimostrare fiducia e tenacia per mantenere alle spalle l’Inter, che a inizio campionato un po’ tutti indicavano come la squadra con maggiori probabilità di vincere lo scudetto.

Per una volta, i pronostici non sorridono invece alla Juventus, che attualmente si trova a -14 dalla vetta della classifica. Gli addetti ai lavori parlano ormai frequentemente di crisi bianconera, specialmente alla luce delle due recenti sconfitte contro Verona e Sassuolo. Il club allenato da Allegri ha tuttavia dimostrato, già in passato, di non essere nuovo a repentine rinascite e rimonte improvvise. Il riferimento è al 2016, quando data per spacciata e sprofondata al 12esimo posto della classifica inanellò una memorabile serie di 15 vittorie consecutive mettendo le mani sullo scudetto con addirittura alcune giornate d’anticipo.

L’opinione di Bruno Giordano

Come per Ottavio Bianchi, anche secondo Bruno Giordano i tempi sembrano essere davvero maturi per vincere lo scudetto. In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, il dirigente e opinionista sportivo ha dichiarato di nutrire una grande fiducia nel progetto di Spalletti.

La rosa azzurra sarebbe infatti una delle meglio assortite della stagione. Il consiglio dell’ex attaccante del Napoli è quello di rinforzare ulteriormente l’organico attuale con una coppia di esterni. I candidati più accreditati sarebbero Emerson Palmieri e Sander Berge. L’innesto del laterale italo brasiliano in forza al Lione e del regista norvegese dello Sheffield United aggiungerebbe qualità tecnica e una certa esperienza a una formazione che ha ancora discreti margini di miglioramento.

Le parole di Salvatore Bagni

Altre parole di sostegno e incitamento alla possibile impresa scudetto partenopea arrivano da Salvatore Bagni. L’ex calciatore ed eroe del primo scudetto del Napoli è intervenuto ai microfoni di Radio Marte esprimendosi in termini positivi sulla squadra e sulle chance nerazzurre per la lotta scudetto.

A suo dire, gli elementi che potrebbero indebolire il Napoli sono due. Il primo è la mancanza di un terzino sinistro, che lasciando libero Di Lorenzo consentirebbe all’intera formazione di assumere un atteggiamento decisamente più offensivo. Il secondo ha invece a che fare con la Coppa d’Africa.

La competizione si disputerà tra il 9 gennaio e il 6 febbraio 2022. Ciò significa che Spalletti dovrà fare a meno di Koulibaly, Anguissa e Osimhen per almeno tre giornate di campionato. I tre giocatori quasi sicuramente salteranno il ritorno con la Juve (in programma il 6 gennaio all’Allianz Stadium) con la Sampdoria (il 9 gennaio al Maradona) e con il Bologna (che si disputerà al Dall’Ara il 16 gennaio).

Conclusioni

Il Napoli è primo in classifica. Per molti la squadra è la reale favorita per lo scudetto, potendo contare su una rosa forte e completa. Il ritmo di gioco e la concentrazione necessaria per ambire a essere una vera big non mancano. Rimane solo da attendere il verdetto del campo.