Dopo il match contro la Salernitana, l’allenatore del Napoli Walter Mazzarri ha risposto alle domande della stampa nella sala conferenze dello Stadio Diego Armando Maradona.

“Oggi il risultato era fondamentale. Siamo stati bravi nonostante tutto, eravamo anche abbastanza in emergenza. Potevo far gol prima, come spesso ci capita. La cosa più importante è aver rivisto la squadra giocare a calcio, fare un possesso palla esagerato. Non abbiamo ancora fatto niente, dobbiamo fare meglio sotto porta, ma era troppo importante vincere”.

Vittoria che ha fatto scoccare la scintilla? 

“Ci voleva la partita, col Monza per assurdo avevamo creato di più. Bisogna migliorare sotto porta senza sprecare energia. Dobbiamo essere più cinici. Dopo Torino ho ritrovato la squadra giocare come piace a me. A parte un mezzo contropiede abbiamo concesso poco contro una Salernitana organizzata. Non era facile”.

Ha temuto di non vincere? 

“Sembrava un’altra partita stregata, alla prima uscita abbiamo preso gol. Sembrava che la serie nera potesse continuare. Col Monza meritavamo di più di vincere, ma oggi ci abbiamo creduto fino alla fine. Mi è piaciuto lo spirito di squadra, in questi giorni insieme probabilmente hanno capito di più il mio modo di fare calcio”.

Sugli Infortuni: 

Zielinski deve essere il medico a dirmi se sarà disponibile per la Supercoppa. Cajuste non l’ho visto bene, da un infortunio muscolare si recupera difficilmente. Peccato, è una bella perdita, perchè il ragazzo stava facendo bene”.

Lottato fino alla fine. 

“Abbiamo esagerato col preparatore e l’abbiamo pagata a Torino, quella partita negativa è anche colpa nostra. Avevamo fatto carichi di lavoro che forse si sono visti in questa partita. Forse abbiamo forzato un po’ rispetto a quello che facevano prima. Oggi la squadra di ha creduto fino all’ultimo, sono contento. Abbiamo migliorato la gamba e la tenuta fisica”.