Auriemma lo ha definito atteggiamento da “commerciante”. Noi sebbene d’accordo, preferiamo dare una linea di analisi educativo-finanziaria.
Lo scontro vis a vis con il pubblico napoletano è cieco. Sordo e drammaticamente testardo.
Le Rivoluzioni si fanno col popolo non isolandosi.
La Restaurazione, le Famiglie, le Società si creano con accordi, legami e leganti.
La Storia lo chiarisce.
I libri di storia dei nostri sempre poco considerati studenti, sono pieni di questa verità.
Insieme è la strategia.
Nessun Uomo è un’isola è una poesia di John Donne ma anche un insegnamento di vita.
Se De Laurentis, come ribadisce ad ogni occasione da microfono, è il paladino di un mondo calcio moderno, migliore e pulito, allora, De Laurentis sbaglia completamente strategia. Allontanarsi dal consenso popolare oltre che infruttuoso e strategicamente errato. I padroni fanno così. Non i leaders democratici. È il popolo in un paese democratico che conserva i principi della Libertà, anche del godimento.
Il ricordo va ad uno spettacoloso Alberto Sordi nei panni del Marchese del Grillo.
“Io so Io e voi non siete….”
Ci dispiace moltissimo egregio presidente ma lei davvero sembra giocare a far dispetti. Il pallone ed il campo sono miei e ci faccio ciò che voglio.
“non vendo perché voglio divertirmi”. Grazie ma che ne dice di goder un po’ tutti? Che ne pensa di condividere un pizzico di questa “gioia”?
I 16 mila euro incassati per la prima amichevole a Castel di Sangro sono esclusivamente una offesa agli spettatori ed ai Napoletani. Per i comuni mortali sono soldi veri per una azienda internazionale solo un’offesa per se stessa e per chi ne compra il piacere.
Commerciante ha detto Auriemma, noi diremmo atteggiamento “ineducato”.
Ineducato, per chi si occupa di Pedagogia delle aziende e dei suoi servizi, sta a significare, ISOLAMENTO.
De Laurentis si è isolato.
Uomo solo al comando in una città che non conosce “monarchia” è un ossimoro.
Ogni termine che usuamo lo virgolettiamo per ridurne la serietà. È calcio e merita il peso che merita.
È in “ostaggio” il pensiero e la passione.
La Libertà è Partecipazione diceva Gaber.
Il calcio è Partecipazione.
Non è esclusivanente soldi, bilanci, entrate ed uscite.
La vita non è la partita doppia. Il calcio resta uno dei pochissimi momenti di terreno piacere ed è garantita al popolo.
Articolo 1 della costruzione del tifoso.
Il sig. De Laurentis non condivide.

Banner 300×250 – Messere – Laterale 2