Gli Americani sono abituati a sentir parlare di Napoli. Una parte di loro si può dire, ne ha radici e storia. Napoli ha dato un contributo non sempre “onesto” ma pur sempre cospicuo in fatto di numeri.
Emigranti degli anni 50 hanno fatto conoscere la bellezza e la Malinconia di Posillipo e Mergellina. Si partiva con una valigua di cartone carica di sogni e poco più.
Basta romanticismi e tuffiamoci nella cronaca sportiva.
Se non si conoscesse il risultato finale, 4-0 e già arrivato nei primi 45 minuti, diremmo che Toronto vs Charlotte è basket non calcio. Il parquet da Nba e non il sintetico verde.
Per un bel po’ ho creduto fossero i Raptors di Toronto a sfidare gli Hornets di Charlotte ed invece no, è calcio. Calcio americano, Major League soccer quella di Insigne, Bernardeschi e Criscito e del Toronto fc.
La colonia napoletana in Canada. I Napoletani di sangue, di maglia e di mercato. Non sapremo mai veramente quanto Bernardeschi è stato vicino all’azzurro.
Poco, pochissimo, forse niente. Qui si vive di misteri e film gialli.
La cronaca dice 4-0 all’esordio, un assist di tacco per il gol di capitan Bradley, vecchia conoscenza del calcio italiano, e festa. Sorrisi, bambini in campo e sugli spalti, fumogeni, famiglie allo stadio ed aria da fiera.
La miglior medicina per un attaccante. Gol ed assist a qualunque latitudine. Calcio è sempre calcio e quando si è in campo si vuol vincere anche se di fronte c’è Charlotte e le ragazze pon pon.
Esordio col botto quindi per Lorenzo che cercherà di guidare la nuova squadra ad una rincorsa play off quasi impossibile. Molti i punti da recuperare per la prima avventura in Major. Punti da recuperare e buon calcio da mostrare. È sembrato particolarmente sereno Lorenzo ancor più Federico. Accolti come ambasciatori di un Paese ricco ed amico. Responsabilità si ma anche tanta leggerezza che mai guasta nei lavori di prestazione. Miglior terapia per Lorenzo e Federico, chissà che l’iniezione di autostima non li aiuti a trovar stimoli per la Nazionale di Mancini.

Banner 300 x 250 – De Luca – Post