Sarri come i predecessori: perché tutti vogliono lasciare Napoli dopo un po’?

Pubblicato il 12 gennaio 2018 alle 10:11 da Liberato Ferrara
sarri
Sarri come i predecessori: perché tutti vogliono lasciare Napoli dopo un po’? pubblicato il: 2018-01-12 da Liberato Ferrara

Vico parlerebbe di corsi e ricorsi storici: arrivati ad un certo punto del loro rapporto De Laurentiis si trova costretto a rincorrere il proprio allenatore che vuole andare via. E’ successo in passato con Mazzarri, con Benitez. Pare, condizionale d’obbligo, che la cosa possa ripetersi anche adesso con Sarri.
Uno a questo punto delle domande dovrebbe porsele: perché tutti gli allenatori ad un certo punto del loro percorso a Napoli sentono l’esigenza di andare via?
Mazzarri voleva andare via al termine della sua seconda stagione in azzurro, fu trattenuto quasi a forza , ma non dimentichiamo che c’era Gasperini negli uffici della FilmAuro pronto a firmare il contratto col Napoli. Benitez voleva scappare alla fine del primo anno in azzurro.
Adesso pare tocchi a Sarri. Diciamo pare perché nessuno di noi era presente al momento del colloquio tra il presidente ed il tecnico azzurro, Sarri non ha parlato, ed anche De Laurentiis in fin dei conti non ha detto nulla. Tutte le voci che si sentono sono ricostruzioni giornalistiche. Per altro essendo in due ad essere presenti al colloquio, o i giornalisti hanno parlato direttamente con uno dei due protagonisti, o riferiscono voci di seconda o terza mano, nella migliore delle ipotesi.
Sta di fatto che qualcosa deve essersi. Sarri ha un contratto sulla carta a lunga scadenza. Non ci fosse la follia della clausola risolutiva, oggi non ci sarebbe nessuna necessità di parlare. Ma c’è la clausola, e se De Laurentiis probabilmente sente la necessità di parlare col suo allenatore del contratto, atteso che non sembra il tipo di voler regalare soldi a nessuno, è chiaro che deve avere sentore della possibilità di perdere il suo tecnico.
Altro aspetto particolare: gli allenatori vogliono scappare non quando sono in difficoltà, ma quando sono arrivati a quello che ritengono il punto più alto possibile dei risultati. Mazzarri voleva andare via dopo aver conseguito sul campo la prima storia qualificazione alla Champions nell’era De Laurentiis, la prima volta; andò via dopo un secondo posto in campionato, il miglior risultato dai tempi di Maradona.
Benitez voleva andare via dopo un anno in cui si era vinto una Coppa Italia, fatto una Champions tanto strepitosa quanto sfortunata, e tutto sommato chiuso ad un buonissimo terzo posto.
Sarri ha appena chiuso un 2017 pazzesco, battendo tutti i record del Napoli, peccato solo che questi punti siano stati spalmati su due stagioni. In ogni caso il Napoli è primo in classifica.
Cosa spinge gli allenatori del Napoli a cercare di lasciare Napoli quando sono all’apice dei loro risultati?

– La conferma di Sarri è la priorità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento