Sarri altro che sessista, è l’ultimo dei gentiluomini

Pubblicato il 13 marzo 2018 alle 15:17 da Eduardo Cautiero
sarri reina napoli de laurentiis
Sarri altro che sessista, è l’ultimo dei gentiluomini pubblicato il: 2018-03-17 da Eduardo Cautiero

Reina non è un traditore

Reina non potrà mai essere considerato un traditore: non è stato lui a voler lasciare il Napoli, ma il contrario. Poi possiamo discutere se era giusto ad un 35enne fare un contratto importante, ma in ogni caso non è stato Reina a voler andare via. Certo sarebbe stato meglio usare un pizzico di discrezione in più. Si poteva evitare l’annuncio, si potevano evitare le visite mediche in pompa magna. La forma è stata decisamente sbagliata, la sostanza no. Per altro nessuno pensa che il portiere possa venire meno in queste ultime partite, la sua professionalità non è in discussione. Sta di fatto che un pizzico di discrezione in più sarebbe stata gradita.

Il problema adesso è un altro: tutti sanno che il Napoli ha bisogno di un portiere. La conseguenza è che tutti i giocatori ai quali si avvicinerà vedranno il loro prezzo schizzare alle stelle. Una volta fatta la scelta di non confermare Reina, sarebbe stato corretto muoversi per tempo. Per altro c’è anche Rafael in scadenza, e Sepe che vorrebbe andare via: al Napoli servono tre portieri, non uno solo. E non sarà facile, soprattutto non sarà economico.

Il Napoli sostanzialmente non po’ fare mercato in Italia, e lo abbiamo visto a gennaio. Dovrà guardare all’estero. Leno costa molto, altri nomi francamente per un motivo o per un altro lasciano perplessi. Ma perchè non si è provveduto per tempo?

Sarri, l’ultimo dei gentiluomini

Saltando di palo in frasca, eccoci a Sarri. Non per parlare del suo contratto, che pure è tutto da verificare, quanto per la sua battuta a Titti Improta. Si è scusato subito, e questo gli fa onore. Anche se ha dimostrato per l’ennesima volta che le interviste non sono il suo forte. C’è una cosa che però non si capisce: perché accusarlo di sessismo? Non ha mandato a fare in culo una donna, anzi, il contrario. Ha detto che non la mandava a fare in culo in quanto donna. A suo modo è stato un atto quasi galante.

– Segui Persemprenapoli su Facebook
– Addio Necco, la voce del Napoli di Maradona

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento